Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 07 Agosto 2020
di Giorgio Vaiana
Andrea Bagnolini

di Michele Pizzillo

Con cadenza trimestrale, a partire da oggi 7 agosto, Giornata Internazionale della Birra scelta per il lancio del Centro Informazione Birra (Cib), AssoBirra comunicherà una fotografia sempre aggiornata dei cambiamenti in atto nel mondo birrario.

In pratica, proprio in presa diretta, il Cib racconterà come sta cambiando il mondo birra e come stanno agendo i player di mercato per affrontare al meglio il cosiddetto new normal, specialmente adesso che il Covid-19 ha scombussolato tutto. Il racconto sarà un ascolto attento di più voci: quella degli italiani in collaborazione con la società di ricerche Bva Doxa, dei brand, della filiera e, naturalmente, della stessa AssoBirra. Dal primo racconto, fanno sapere da Assobirra, emerge che per gli italiani la birra è principalmente una bevanda da pasto. E l’ha dimostrato anche in piena emergenza sanitaria da Covid-19, visto che durante il lockdown – rileva la ricerca condotta da Bva Doxa per il Centro Informazione Birra per analizzare le abitudini di consumo di birra degli italiani - nel primo semestre 2020, per 1 italiano su 4 la birra è stata al centro delle occasioni di consumo a casa e, virtualmente, con amici e parenti a distanza, soprattutto per il target tra i 25 e i 44 anni pari al 34% degli intervistati. Con una evidenza su tutte, si legge nella ricerca: secondo il 37% degli intervistati la birra ha contribuito a mantenere ben saldi i rapporti con gli altri anche nei momenti più bui della pandemia. Non solo. Per un italiano su 4 c’è stato un incremento nei consumi relativo ai momenti di condivisione. A guidare i consumi di birra dei più resta il gusto (per il 60% degli intervistati), ma anche il fatto che si tratti di “una bevanda che unisce” (22%) e che permette di concedersi “momenti speciali” (24%). Per molti poi il lockdown è stato anche l’occasione perfetta per sperimentare anche nuove tipologie di birra (28%) ma anche nuove modalità di consumo (14%). E una volta tornati alla “normalità”, seppure con le dovute cautele, gli italiani hanno confermato il loro amore per la “birra con gli amici”: chi nei locali di sempre (43%) e chi soltanto in quelli all’aperto (38%) favorendo la ripresa in fase di riapertura delle attività commerciali post lockdown.

La ricerca Bva Doxa, poi, mette in luce il grado di apprezzamento dei confronti di iniziative promosse durante il periodo di emergenza da numerosi brand del settore birrario volte a trasmettere un messaggio di vicinanza ai propri consumatori. Così, il 57% degli intervistati li ha ritenuti utili e addirittura “emozionanti” da ben il 16% degli italiani. E il percepito positivo emerge anche dall’ascolto del dialogo della rete associato al mondo birra nel periodo tra aprile e giugno 2020 su fonti online (social network, siti di news, blog e forum). La comunicazione delle iniziative, infatti, è diventata argomento chiave di commento tra gli utenti che hanno accolto positivamente le innumerevoli iniziative di solidarietà messe a segno dai brand durante il periodo di lockdown. E, si è trattato di azioni concrete a supporto del comparto alle prese con le sfide post pandemia, con l’obiettivo di non disperdere il patrimonio costruito negli anni dal mondo birra, la cui ricchezza generata ammonta a oltre 9 miliardi di euro, dati aggiornati al 2018, pari allo 0,52% del pil. Si parla di un settore che, in Italia, occupa oltre 144.000 lavoratori lungo tutta la filiera. E che, pertanto, anche in ottica di ripartenza dell’economia, può giocare un ruolo chiave. Tant’è che Andrea Bagnolini, direttore dell’associazione che associa i maggiori produttori e commercianti di birra, afferma che “come AssoBirra continuiamo nel dialogo propositivo con il Governo e il mondo delle Istituzioni, facendoci portavoce di una serie di richieste e di supporto all’intera filiera. Inoltre, crediamo che oggi sia fondamentale poter supportare il comparto offrendo anche degli strumenti concreti che aiutino a comprendere le insidie ma anche le opportunità che si celano nel nuovo contesto in cui viviamo. Ed è proprio con questo intento che lanciamo il Centro Informazione Birra che auspichiamo diventi uno strumento pratico e utile su cui impostare la strategia per la ripartenza. Non solo. Attraverso il Cib, ascolteremo i nostri consumatori e daremo voce ai player della filiera perché siamo convinti che soltanto un’azione congiunta di sistema potrà consentirci di raggiungere gli obiettivi".

Primo ospite è Luciano Sbraga, direttore del Centro studi di Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) che sottolinea “molto è stato fatto, ma molto c’è ancora da fare. Perché per costruire una panoramica completa dello scenario attuale, l’ascolto dei player della filiera diventa un asset fondamentale. Senza misure di sostegno che accompagnino le imprese del settore dei pubblici esercizi verso una traversata che immaginiamo ancora lunga, sarà difficile per molte di esse sopravvivere”. La ricerca targata Bva Doxa, comunque – e lo sottolinea anche Bagnolini - restituisce un quadro in cui gli italiani sono rimasti fedeli alla birra e, anzi, l’hanno riconosciuta come un elemento con cui ritagliarsi momenti di convivialità in compagnia di amici e parenti, seppur virtuali. Ci colpisce anche l’alto grado di apprezzamento delle iniziative messe in campo dai player del mondo birrario per affrontare l’emergenza Covid-19. Parliamo di un trend assolutamente positivo e in controtendenza con i risultati raggiunti generalmente dalle comunicazioni di taglio pubblicitario. Ciò dimostra che i brand sono riusciti fin da subito a interpretare correttamente il contesto in forte mutamento e rispondere quindi con azioni ponderate e mirate ai vari target”.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search