Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 06 Agosto 2018
di C.d.G.


(Giorgio Mercuri)

Prosegue nel mondo agroalimentare ed enologico italiano il dibattito sul pronunciamento della Corte di Giustizia europea sulle ricerche genetiche parificate ad Ogm veri e propri. 

Nei giorni scorsi nel avevamo parlato con Attilio Scienza, luminare in questo campo e Gaetano Pascale, presidente uscente di Slow Food Italia. Ora arriva la presa di posizione del presidente di Alleanza delle Cooperative Agroalimentari Giorgio Mercuri che commenta la sentenza della Corte europea. “Il miglioramento genetico non Ogm è fondamentale per rispondere alle esigenze di sostenibilità della nostra agricoltura e dell’economia - dice Mercuri - Tali tecniche rappresentano infatti una delle migliori risposte ai cambiamenti climatici e danno un contributo importante alla realizzazione di un’agricoltura green che riduca l’utilizzo della chimica, alle esigenze dell’alimentazione del futuro. Il miglioramento delle tecniche varietali non transgeniche può rappresentare una leva importante anche per non dipendere più dalle grandi multinazionali, poiché rafforza il ruolo della ricerca pubblica che in questo campo esprime già oggi vere e proprie eccellenze”.

La sentenza della Corte europea aveva relegato ad Ogm un organismo figlio di incroci della stessa specie ma ottenuto con tecniche innovative che, secondo Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, “sono peraltro molto più precise di quelle tradizionali e danno origine a processi di mutazione assai simili a quelli che avvengono spontaneamente in natura”. “Il risultato della sentenza non ha fatto altro che mettere in luce tutte le criticità di una normativa comunitaria in materia che ormai è datata”, conclude Mercuri. “Alla luce delle nuove esigenze di produttori ed agricoltori, è quanto mai necessario un’assunzione di responsabilità del Legislatore comunitario affinché doti l’ordinamento di disposizioni al passo con i tempi”.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search