Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 06 Settembre2018

La nuova tendenza dei ristoranti gourmet: un semplice piatto di pasta al pomodoro

di Stefania Petrotta

Se siete appassionati della cucina stellata, magari quest’estate vi sarà capitato di andare da “Accursio Ristorante” a Modica in provincia di Ragusa o allo “Shalai” a Linguaglossa in provincia di Catania e, col nostro stesso stupore, trovare nel menù la pasta al pomodoro. 

Ammetterete che ritrovarsela in un menù stellato faccia una certa impressione, ma, dopo un primo momento di sorpresa, la reazione è di intimo apprezzamento perché, diciamo la verità, ci vuole un certo coraggio per proporre un piatto così popolare e “semplice”. È quindi con un certo divertimento che abbiamo chiesto ad Accursio Craparo e a Giovanni Santoro come abbiano avuto quest’idea.


(La pasta al pomodoro secondo Accursio Craparo)

Il primo ci ha rivelato che erano anni che desiderava proporla ai propri clienti. Quello che lo ha sempre frenato era la consapevolezza che proprio le ricette più semplici sono quelle in cui è più arduo raggiungere la perfezione. La spinta gliel’ha data una passata biologica di pomodoro siccagno in cui si è imbattuto quest’anno e che si può trovare sia da “Radici”, la sua bottega a due passi dal ristorante, che sul suo sito. “Questa è la prima estate in cui porto a tavola una vera, semplice, essenziale pasta al pomodoro – racconta Accursio – e non sarà poi un caso che questo piatto sia venuto fuori in un momento in cui il nostro Paese sembra particolarmente disorientato rispetto alla propria identità e ai propri valori: questo è il piatto che ci rappresenta tutti, da nord a sud”. Spaghetto alla chitarra artigianale, olio extravergine di oliva profumato all’aglio e basilico e, su richiesta, qualche foglia di basilico fresco e una grattugiata di ricotta salata et voilà, il piatto è pronto. E la reazione dei clienti è positiva che siano essi adulti o bambini (che spesso chiedono il bis), italiani o stranieri. Di solito viene inserito in un percorso di degustazione in cui siano presenti almeno due primi: “Solo una volta, ad un cliente che non mangiava dolci ho deciso di far concludere il percorso con una forchettata di pasta al pomodoro e ne è stato felicissimo”.


(La pasta al pomodoro secondo Giovanni Santoro)

Come felici sono oggi gli ospiti dello Shalai a cui lo chef Giovanni Santoro desiderava da tempo far provare l’esperienza di un tuffo nel passato. “Per me gli spaghetti al pomodoro sono il simbolo dell’estate, nonché il ricordo della mia infanzia, con quei profumi di pomodoro e basilico che aleggiavano per casa. È uno di quei piatti che avrei sempre voluto inserire in menù, ma che temevo fosse recepito come un piatto banale. Oggi, a distanza di 20 anni da quando ho iniziato a lavorare in cucina, mi sono sentito pronto e maturo per poterlo fare. Ho scommesso su questo piatto e mi ha dato grandi soddisfazioni. Le persone vi si accostano con curiosità: lo vedono, gli si illumina il viso e lo vogliono provare. Il riscontro è talmente positivo che ormai è all’interno del menu degustazione di carne”. Anche lui utilizza spaghetti artigianali, ma preferisce il pomodoro datterino perché ha pochi semi ed è dolce e gustoso. La preparazione è gourmet: si cuociono tutti gli ingredienti insieme sottovuoto a bassa temperatura, si abbatte il tutto a -30° e poi si filtra alla centrifuga. Ne viene fuori, più che una salsa, un “nettare”, come lo definisce lo chef stesso, che mantiene intatto tutto il gusto di ogni singolo ingrediente. “Il sapore è quello autentico del pomodoro – conclude Santoro – e questa consistenza leggera, quasi fluida, fa sì che questo nettare vada in un certo senso a colorare lo spaghetto. Insomma, oltre che buono, è un piatto anche molto bello a vedersi”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Abbruzzino

Ristorante Abbruzzino

Catanzaro

3) Anatra, kumquat e semi di zucca

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search