Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari
di Redazione

Amarone, la più giovane delle grandi Docg italiane (andrà in commercio col millesimo 2010), «ha battuto da quest'anno Brunello di Montalcino e Barolo, per quantità e valore».

A dirlo, a Roma in occasione della presentazione dell'Anteprima Amarone che si terrà alla Gran Guardia il 28-29 gennaio, è Emilio Pedron (nella foto), un volto storico del vigneto Italia, tornato presidente del Consorzio tutela vini Valpolicella a marzo scorso. L'Amarone, ha sottolineato con orgoglio Pedron, «è nato dopo il Brunello, e sta dimostrando di superare con successo la prova del tempo, e la crisi economica». Si tratta, ha detto ancora, «di un successo diffuso. Le aziende, a conferma di un buon ricambio generazionale, sono raddoppiate e il benessere è ripartito lungo tutta la filiera». Le aziende trasformatrici, precisa uno studio di Eugenio Pomarici dell'Università di Napoli, sono passate da 118 del 2004 a circa 213 del 2010.

E nella campagna 2010/2011 l'uva per Amarone è stata scambiata mediamente a due euro/chilogrammo, mentre quella per gli altri vini della Valpolicella vale un euro/chilogrammo. La produzione complessiva dei vini della Valpolicella è passata, dai 380 mila ettolitri del 2004 ai 420 mila del 2011 e soprattutto è cambiata la composizione dell'offerta, crescendo il peso dei vini di maggiore pregio. Nello stesso arco di tempo, infatti, la produzione di Amarone e Recioto è cresciuta dai 60 mila a quasi 100 mila ettolitri, arrivando a rappresentare quasi un quarto della produzione complessiva dei vini della Valpolicella; sono circa 12 milioni le bottiglie di Amarone.

«Ora - con il blocco degli impianti, l'abbassamento delle rese da 60 a 50, l'avvio di uno studio sulla sostenibilità, e la promozione in Nord Europa e a Mosca - vogliamo far mettere radici - ha detto Pedron - a questo successo dell'Amarone, uno dei pochi prodotti che sta continuando a crescere. Con un successo senza presunzioni e con tanta fatica - ha osservato infine il presidente del Consorzio - che rispecchia il carattere dei veneti: nessun volo sui prezzi, grande legame territoriale, e caratteristiche di dolcezza per l'appassimento che rendono piacevole, oltre che una grande esperienza, bere un amarone».


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search