Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 27 Maggio2021
Mario Piccini

di Emanuele Scarci

Piccini 1882 lascia Montalcino con un piede ma l’altro potrebbe rimetterlo nell’arco di 12 mesi.

La cantina toscana ha dovuto cedere, dopo un’asta, la tenuta montalcinese di Villa al Cortile, in affitto da 7 anni. Un concorrente ha messo sul piatto il 30% in più e se l’è aggiudicata. Nonostante Piccini avesse investito 700 mila euro. Da almeno un anno Mario Piccini ha sotto la lente un’altra cantina del Brunello di Montalcino. “Siamo andati avanti – sottolinea l’imprenditore toscano - ma poi ho sospeso il progetto perché è più urgente terminare gli investimenti nelle aziende del gruppo. Tuttavia abbiamo un semi-accordo che, eventualmente, nel giro di 12 mesi potrebbe diventare un accordo a tutti gli effetti”. Intanto il 2020 per Piccini 1882 si è concluso con ricavi per 68 milioni, in crescita del 7%. Grazie soprattutto all’estero, all’Italia e all’e-commerce. “Nel 2021 l’e-commerce sarà una base di crescita importante e anche un banco di prova - commenta Piccini -. Non c’era molto da fare con la pandemia: o ti deprimevi oppure lanciavi una sfida interna per arrivare a creare i presupposti per nuovi sviluppi. Abbiamo investito moltissimo in nuovi prodotti e persone. Una situazione nuova che crescerà e che mi fa contento”.

Dalla Toscana alla Sicilia
Il gruppo Piccini conta 4 tenute in 3 regioni: insieme contano oltre 200 ettari di vigneti. La scuderia schiera la Fattoria di Valiano, azienda del Chianti Classico, nel territorio di Castelnuovo Berardenga; la Tenuta Moraia, lungo la costa toscana, in Maremma; la Regio Cantina, in Basilicata, con i 15 ettari vitati dove si produce l’Aglianico del Vulture; e infine in Sicilia, Torre Mora: 15 ettari sul versante nord est dell’Etna, tra i 650 e gli 800 metri, tra i comuni di Castiglione e Linguaglossa. L’azienda di Casole d’Elsa ha in rampa di lancio l’emissione di una nuova obbligazione. “Abbiamo un bond in scadenza nell’agosto del 2022 – spiega Piccini - e lo sostituiremo con uno nuovo entro fine anno. Probabilmente sarà superiore ai 5 milioni e servirà anche per acquisire un’azienda”. In Toscana? “No, mi lincerebbero. E’ fuori dalla regione, ma non posso dire di più”.

Non fermarsi mai
E gli investimenti correnti? “Gli investimenti programmati devono essere fatti tutti. Per esempio gli investimenti sulla Geografica vanno realizzati e far sentire la vicinanza ai produttori. Se non abbiamo una filiera forte non possiamo creare un connubio con i produttori. Il mio sogno rimane quello di essere un’azienda agricola contemporanea”.
Che vuol dire? “Che si può essere produttori anche senza la proprietà dei terreni: il possesso dei territori e dell’uva va lasciata ai proprietari - sottolinea Piccini -. Però ho la necessità di potenziare l’azienda a tutti i livelli: controllo di gestione e gestione dei vigneti dei partner. Inoltre è necessario stringere accordi per l’acquisto dei prodotti sia per i produttori che hanno scelto il regime organico che per quelli del tradizionale. Gli investimenti, insomma, bisogna continuare a farli”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search