Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 03 Settembre2021
Vincenzo Pisa

Una perdita del raccolto di circa il 50 per cento.

Dati ancora non definitivi, ma le stime raccontano di una produzione di pomodoro siccagno fortemente influenzata dal caldo torrido che ha colpito le zone di coltivazione di questo prodotto. A sciorinare i numeri, Vincenzo Pisa, presidente della cooperativa La Rinascita di Valledolmo, in provincia di Palermo: "Da queste parti non piove da aprile - dice Pisa - e, pur essendo un pomodoro che non necessita di acqua, soffre delle temperature afose". E da queste parti, nel periodo estivo, si sono raggiunti anche picchi di 46° e 47°, troppi per non stressare la pianta e seccarla fino a farla morire. Il pomodoro siccagno cresce sfruttando l'acqua che viene concessa da Madre Natura. Unica eccezione, la messa a dimora, quando alla pianta viene dato un litro di acqua. Poi più niente. "Ma quest'anno Madre Natura non è stata per nulla generosa - racconta il presidente della cooperativa - e abbiamo visto i nostri campi morire uno dopo l'altro". La raccolta è già iniziata, "ma ci sono zone in cui nemmeno andremo", spiega Pisa. La cooperativa La Rinascita è composta da 20 soci e i campi di coltivazione si estendono per 80 ettari nei territori di Valledolmo, Sclafani Bagni, Caltavuturo, Vallelunga e Villalba. La produzione media è di 100/120 quintali per ettaro, "ma quest'anno saremo fortunati se raggiungeremo i 60 quintali per ettaro", aggiunge Pisa.

Export, prima volta di Francia e Germania
La mancanza di pomodoro arriva in un momento cruciale per la cooperativa che, da poco, aveva chiuso due importanti contratti per l'esportazione del prodotto in Francia e Germania. "E' la prima volta che abbiamo una commessa così importante - spiega Pisa - segno di un'attenzione sempre crescente per il nostro pomodoro. Speriamo di poter continuare così e che le cose migliorino nei prossimi mesi". Buona la grande distribuzione con la conferma della vendita del pomodoro nei supermercati a marchio Decò.

Verso la Dop
Intanto un gruppo di soci sta dando vita al consorzio pomodoro siccagno di Valledolmo Dop. Il primo propedeutico passo per poter richiedere prima a Roma e poi a Bruxelles, il riconoscimento della denominazione di origine protetta per il pomodoro siccagno. "Abbiamo avviato l'iter - dice Pisa - riteniamo che sarà uno spunto in più, non solo per tutelare questo pomodoro dalle proprietà benefiche, ma anche per spingere tanti giovani ad investire in questo settore". A richiedere la Dop sono tanti produttori locali che hanno creduto in questo progetto, "che racconta del nostro territorio e della nostra cultura - dice Pisa - Forse concentrarsi su un solo prodotto non è la scelta più giusta, ma noi la riteniamo la più etica in quanto ci sentiamo i custodi di questo prodotto". Il pomododo siccagno, infatti, nasce dall'esigenza di piantare i pomodori senza avere la possibilità di poterli innaffiare. Questa zona della Sicili è rinomata per la poca presenza di acqua.

Il "Siccagno Day"
Il 7 settembre tradizionale festa con il "SiccagnoDay", organizzata dalla cooperativa La Rinascita nella propria sede di Rovittello di Valledolmo. "Non abbiamo lo spirito adatto - dice Pisa - ma non potevamo mancare ad un appuntamento così importante. Dalle 11 sarà mostrata la raccolta del pomodoro e le fasi salienti della trasformazione del pomodoro, oltre ad alcuni assaggi realizzati dallo chef Marco Ardiri. Sarà presente il vescovo di Cefalù, in provincia di Palermo, monsignor Giuseppe Marciante

G.V.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search