Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 12 Dicembre2020
Stefano Zanette

Si sono contati oltre 120 partecipanti ieri, all’ormai tradizionale appuntamento “AperiOperatori”.

Un successo crescente per l’incontro, ora in formato on line, dedicato ai soci del Consorzio tutela Prosecco Doc, nel corso del quale sono state presentare le analisi del mercato italiano e tedesco commissionate a Nomisma Wine Monitor. Dallo studio, in uno scenario globalmente negativo per i vini spumanti, emerge la tenuta del Prosecco Doc che riesce a mantenere le proprie quote di mercato. Lo conferma il +1,6% degli imbottigliamenti nei primi 11 mesi del 2020, conseguito grazie ai maggiori acquisti nella grande distribuzione e al debutto del Prosecco rosé che ha generato da solo circa 13 milioni di bottiglie in poco più di un mese e mezzo dall’avvio della commercializzazione. Questo successo, stando all’identikit del consumatore analizzato da Nomisma, è dato anche dalla trasversalità dei consumi. Infatti, considerando genere, età, area geografica, reddito e titolo di studio, si evince che il 70% della popolazione, tra i 18 e i 65 anni, consuma mediamente Prosecco Doc.

Lo studio ha segnalato anche i fattori in grado di assicurare il successo della denominazione nel prossimo futuro che, secondo il parere dei consumatori saranno: la ricerca di una sempre più elevata qualità sensoriale, l’innovazione, la certificazione di sostenibilità ambientale e il posizionamento. Con questi dati, e in attesa di conoscere quelli di dicembre, la Do Prosecco conta di chiudere il 2020 con un segno positivo sul 2019 il che, visti i tempi, appare un risultato non solo insperato ma in assoluta controtendenza rispetto agli andamenti del momento. "Credo che tutto ciò sia il risultato di un proficuo lavoro portato avanti con estrema convinzione dal sistema produttivo e dal nostro consorzio, coinvolgendo importanti centri di ricerca. In ogni caso, dobbiamo sforzarci di fare di più e meglio - osserva il presidente del consorzio Stefano Zanette - Mentre sul fronte dei volumi il dato appare incoraggiante, sul fronte del valore dobbiamo prestare maggiore attenzione, con l’obiettivo di incidere positivamente sul percepito della denominazione".

Un eccessivo stimolo alle vendite con “promozioni” e “sotto costo” potrebbe infatti compromettere la normale congiunzione tra le produzioni ottenute dalla vendemmia 2020 e quelle della vendemmia 2021 che, sulla scorta delle ultime modifiche del disciplinare approvate dall’Assemblea ordinaria dei soci, non potranno essere commercializzate prima del primo gennaio 2022. "Per questo voglio invitare il nostro sistema produttivo, ma anche gli operatori della distribuzione, affinché operino per valorizzare adeguatamente il lavoro di oltre 11.000 viticoltori, poco meno di 1.200 vinificatori e di 348 case spumantistiche. L’auspicio – conclude Zanette – è di veder posizionate le nostre produzioni sul prezzo che la maggioranza dei consumatori percepisce corrispondente alla qualità del Prosecco. Dal canto nostro, come Consorzio, assicuriamo il massimo impegno nel garantire un continuo processo di miglioramento della qualità delle nostre produzioni e una “durabilità” della denominazione che consentirà ai produttori e alle comunità locali di sentirsi sempre più parte del successo del Prosecco Doc". La prossima settimana verranno presentati i dati relativi al mercato inglese e statunitense.

C.d.G.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search