Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari
di Redazione

«La Doc ci darà l'opportunità di valorizzare la produzione siciliana sotto diversi punti di vista.

Uno su tutti: la qualità sarà maggiore, basti pensare per esempio che per fregiasi della Doc i vini dovranno essere ottenuti da rese (uva prodotta per ettaro di vigneto) inferiori rispetto a quanto avveniva con la 'Igt Sicilia’». Lo ha detto il presidente di Assovini Sicilia Antonio Rallo (nella foto), commentando l'avvio della Doc Sicilia, che partirà ufficialmente con la prossima vendemmia così come anticipato nei giorni scorsi da Cronache di Gusto.

«Il consumatore, inoltre - prosegue - sarà ancora più tutelato in quanto con l'entrata a pieno regime delle Dop, i controlli sui vini saranno raddoppiati e avverranno prima e dopo l'imbottigliamento. Dal punto di visto del marketing e delle chance commerciali, poter puntare tutti sul brand Sicilia ci permetterà di essere più facilmente riconoscibili e quindi appetibili agli occhi del consumatore straniero che altrimenti avrebbe difficoltà a riconoscere Doc collegate a piccole realtà dai nomi che, soprattutto all'estero, possono non significare nulla per il consumatore».

Un altro vantaggio della Doc Sicilia, secondo Rallo, è «offrire il vantaggio di poter accedere con più facilità ai fondi che l'Unione Europea mette a disposizione per la promozione attraverso la Ocm Vino (Organizzazione comunitaria del mercato) l'importante è che i soldi si spendano bene». «Tra le prime iniziative quindi - conclude Rallo - c'è quella di accompagnare gli associati verso l'adesione di questo nuovo quadro normativo e di collaborare con tutti gli altri soggetti della scena produttiva per la costituzione di un Consorzio che gestisca la Doc Sicilia».


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search