Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari

Dopo il tè, il vino: sugli scaffali dei supermercati del Regno Unito sono in arrivo per la prima volta vini dall'India, l'ex colonia di Sua Maestà adesso parte integrante dei paesi protagonisti della crescita economica mondiale.

Waitrose, questo il nome della catena di alimentari di lusso che ha tra i suoi clienti anche la Regina Elisabetta, ha cominciato a vendere due etichette di vino indiano proponendoli come alternativa alla birra per accompagnare piatti speziati tipici della cucina del subcontinente come i curry. «Gli aromi speziati e floreali dei due vini sono ideali per corredare pietanze piccanti», ha detto Matt Smith, l'enologo di Waitrose che ha già fatto conoscere ai clienti della catena vini dalla Croazia e dal Montenegro, Libano, Slovenia, Georgia e Marocco. Entrambi i vini indiani, il bianco Ritu e il rosso Zampa, un syrah «fruttato con un pizzico di pepe e finitura speziata», sono prodotti usando varietà di uva tradizionale nella regione di Maharashtra (India Occidentale). Ritu in sanscrito significa «stagione». Il bianco esce dalle cantine di United Breweries, la distilleria indiana che sforna anche la birra Kingfisher. I vini indiani sono migliorati molto negli ultimi cinque anni e quelli importati da Waitrose non sono le sole bottiglie di qualità che i recenti investimenti fatti nell'industria vinicola hanno trasformato in potenziali concorrenti di Chianti, Merlot e Chardonnay. A Bangalore i vigneti Grover in cui ha investito Veuve Cliquot, hanno importato qualche anno fa ai piedi delle colline Nandi 35 vitigni francesi per produrre, con la consulenza del famoso enologo Michel Rolland, vini che oggi rivaleggiano con la Francia. Per secoli la mappa dei vini era concentrata in due fasce climatiche, tra 30 e 50 gradi di latitudine nord e sud, ma questo sta rapidamente cambiando e non solo a causa del riscaldamento del pianeta. A una recente fiera vinicola internazionale a Londra i produttori indiani si sono fatti notare accanto a quelli thailandesi, argentini, australiani, cileni e neozelandesi, anche se, con la sua posizione vicina all'equatore, le stagioni monsoniche e le ondate di caldo l'India non sembra essere il terreno ideale per la coltura dell'uva da vino. E tuttavia - ha spiegato Smith al Daily Telegraph - la qualità del suolo calcareo e argilloso e la posizione elevata di certi vigneti permette di produrre anche in India vendemmie di alta qualità: «Idealmente non vorresti un clima tropicale, ma ci sono zone dove il suolo è buono, a base di argilla e calcare, che incoraggia le viti a mettere radici in profondità e a lavorare sodo. Non posso dire che l'India è arrivata al livello di Francia o Italia», ha aggiunto Smith: «Ancora non ci siamo. Ma è certamente una nazione da osservare nei prossimi cinque anni».

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

3) Scampi dello Jonio, foie gras e castagne silane

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search