Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 10 Dicembre2020
Sebastiano Di Bella

Programmare il futuro, soprattutto nel campo della ricerca e della sperimentazione. Questo il senso degli incontri, virtuali a causa della pandemia, voluti dal presidente dell'Irvo Sebastiano Di Bella.

Il numero 1 dell'istituto regionale vite e vino, ha voluto incontrare in streaming i produttori di vino e di olio siciliani in 4 incontri. Con loro si è parlato delle importanti decisioni da prendere per quanto riguarda le attività di ricerca e sperimentazione da mettere in pratica nei prossimi anni. Tantissimi gli argomenti trattati e soprattutto Di Bella ha lasciato spazio proprio ai produttori che hanno avuto la possibilità di chiarire i loro dubbi su alcune tematiche molto significative. Tra queste, gli studi di zonazione dei diversi territori vitati per valutarne la differente vocazionalità; gli studi sui vitigni del territorio, anche in collegamento al punto precedente, con particolare riferimento alle varietà Grillo, Nero d’Avola e Catarratto, per quest’ultimo anche sotto l’aspetto della produzione dei vini spumanti con metodo classico; il recupero degli antichi vitigni autoctoni; gli studi per il contrasto al mal dell’esca; gli studi sui coadiuvanti per gestire meglio la maturazione delle uve e gli stress ambientali; gli studi sulle concimazioni effettuate nelle diverse fasi fenologiche della vite e qualità dei vini ottenuti; la caratterizzazione di concimi alternativi a quelli chimici, quali misti organici e/o residui di distilleria; gli studi sull’impiego di lieviti selezionati sia Saccharomyces che non-Saccharomyces di origine siciliana; la selezione di lieviti specifici per i vini passiti ed in particolare per la Malvasia delle Lipari; gli studi su prodotti alternativi quali, ad esempio, il vermouth.

Interessante anche la due giorni "virtuale" con i produttori dell'olio. Si è parlato di progetti di ricerca sulla valorizzazione degli scarti di lavorazione, tra cui le foglie prodotte dall’uso degli abbacchiatori, l’acqua di vegetazione, la sansa di olive, con studi che permettano il recupero dei polifenoli o l’utilizzo nella mangimistica e nella produzione di biomassa ed energia; progetti che permettano di valorizzare le proprietà nutraceutiche dell’olio, nonché studi sull’oleocantale e sulle sue caratteristiche antiossidanti e antinfiammatorie; progetti di valorizzazione di prodotti alternativi quali condimenti ottenuti sia dalle olive che dagli agrumi. L’Istituto si prepara così, alla vigilia del prossimo Programma di finanziamento europeo 2021-2027, ad individuare le tematiche di ricerca e sviluppo su cui concentrare risorse umane ed economiche. Prossimo passo il 14 dicembre, con la videoconferenza in cui l’Irvo incontrerà le Università siciliane ed alcuni Istituti del Cnr presenti sul territorio per costruire la rete di ricercatori che dovrà prima definire, poi redigere ed infine realizzare i futuri programmi di ricerca.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search