Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 28 Gennaio2013

 

Il 24 e 25 gennaio la Commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha votato ed approvato gli emendamenti della nuova Politica agricola Comune. Il processo di rinnovamento della Pac dà il via ad un primo successo che vede i produttori e l’ambiente sempre più protagonisti a livello europeo.

Innanzitutto, la sezione dedicata alle imprese ed ai redditi degli agricoltori acquista una posizione centrale con gli emendamenti sui pagamenti diretti, lo sviluppo rurale e la Ocm unica. La direzione voluta da Comagri, infatti, vira verso l’innalzamento della soglia di flessibilità di applicazione delle misure, della semplificazione burocratica per gli operatori e verso la definizione di strumenti di gestione delle crisi di mercato.

Per quanto riguarda l’Italia, in particolare, questa beneficerà della nuova politica di distribuzione delle risorse economiche: in cifre, saranno destinati 44 milioni di euro in più. Nell’ambito di tale supporto, poi, si presterà attenzione alle singole aree geografiche ed economiche particolarmente bisognose di supporto con relativo interesse dei redditi dei produttori agricoli.

L’obiettivo della Pac è quello di garantire ai produttori gli aiuti economici anche dopo il termine del periodo di applicazione delle nuove regole, cioè il 2020. Questi, infatti,  non potranno ridursi più del 30% rispetto al primo anno di applicazione (il 2015). Ci saranno produttori tutelati, inoltre, a prescindere dal loro “potere” di mercato: anche i piccoli attori della filiera saranno premiati in base alla loro attività e prodduttività. È prevista, infatti, la possibilità di individuare la figura di “agricoltore attivo”, con un occhio di riguardo ai giovani: se i piccoli agricoltori potranno ricevere un importo totale fino al 15% della dotazione nazionale per i pagamenti diretti, i giovani usufruiranno delle risorse economiche senza che queste vengano perse. Ciò significa che  le eventuali risorse non spese potranno essere trasferite ai nuovi entranti.

E poi l’attenzione per l’ambiente. Il “greening” che si concentra sull’aspetto ambientale dei processi di coltivazione, trasformazione e produzione, vede il rafforzamento degli “aiuti verdi”. Infatti, avranno diritto di alleggerimento dei pagamenti tutte le imprese che rispettino pratiche agro ambientali di sviluppo rurale, includendo anche quelle che già dispongono di  certificazione ambientale e che producono seguendo la normativa di agricoltura biologica. Inoltre, saranno esonerate anche le aziende che coltivano riso per il 75% della superficie, nonché quelle che dispongono di un terreno coltivato inferiore ai 10 ettari.

Nel dettaglio, è stato modificato anche il capitolo dell'Ecological Focus Area, che esonera le imprese dai pagamenti per tutte le colture arboree, con l'olio d'oliva e gli agrumi in prima linea. Parzialmente coinvolte anche quelle che detengono una coltivazione del 3% della superficie ad area ecologica.

Tra le altre novità, si evidenzia, il coinvolgimento delle associazioni ortofrutticole che potranno gestire fondi di esercizio ed attuare e presentare programmi operativi, nonché il rafforzamento dei programmi di sostegno nel settore del vino. La regolamentazione del comparto vitivinicolo, infatti, si arricchisce di nuove misure di ricerca e di sviluppo, con la proroga dei diritti d'impianto dei vigneti fino al 2030.

Nel caso dell’olio di oliva, gli aiuti saranno indirizzati alle organizzazioni di produttori e all'interprofessione con l'inclusione di una serie di attività innovative all'interno dei programmi triennali. Si guarda al consumatore, poi, grazie all’emendamento che reintroduce l'obbligo di indicare il paese di origine in etichetta per i prodotti ortofrutticoli venduti freschi, prima depennato ed ora ripresentato.

Si attende il prossimo appuntamento per il vertice europeo del 7-8 febbraio che verterà sulle prospettive finanziarie dell'Unione. Tale incontro influenzerà anche le risorse per la Pac. Queste, non ancora approvate, saranno valutate a marzo in occasione del voto della proposta di riforma e potrebbero portare a eventuali correzioni emendative. Si prevede, in generale, che la nuova Pac entrerà in vigore nel 2015.

L’ordine del giorno del 24/25 gennaio 2012 è disponibile a questo link.

Lucrezia Balducci

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search