Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 27 Settembre2021
Giuseppe Longhi

La vendemmia torna dopo più di 200 anni a Copreno, frazione di Lentate sul Seveso, a soli 25 chilometri da Milano.

Nel piccolo centro della Brianza, situato nel cuore del distretto del mobile, si riprende a produrre vino grazie all’intraprendenza di Giuseppe Longhi, 32 anni, coprenese “doc”, che sette anni fa ha deciso di piantare un vitigno di nebbiolo in un terreno di famiglia per dedicarsi, nel tempo libero, alla viticoltura. L’iniziativa nasce dalla curiosità e dalla formazione umanistica di Longhi che, forte di una laurea in storia medievale, dopo innumerevoli ricerche ha rinvenuto una pergamena in cui, già nel Trecento, si parlava di Copreno come di una terra di produzione vinicola che aveva dato i natali al “Martesano”, un vino ospitato nelle cantine dei nobili Porro, prodotto con uve di nebbiolo. Questa interessante scoperta lo ha spinto a raccogliere la sfida e a provare a riportare nuovamente a Copreno l’antica arte della viticoltura. Longhi, che di professione fa l’insegnante, è un autodidatta che ha imparato tutto sul campo quando qualche anno fa ha deciso di piantare 250 viti alla “Brera”, in un terreno di proprietà del nonno iniziando a curarle con passione e dedizione. Nel 2018 è riuscito a produrre per la prima volta del vino: una cinquantina di bottiglie di “Radices”, un rosso fermo e corposo che ricorda l’antico Martesano, dedicato ai nonni Giuseppe, Rosa, Giovanni e Franca.

Il lavoro e il tempo dedicato alla vigna lo hanno finalmente ripagato: domenica 26 settembre Giuseppe Longhi organizzerà la prima vendemmia alla “Brera”. Ha chiamato a raccolta parenti e amici che, muniti di cesoie e ceste, si trasformeranno in vignaioli per un giorno, per aiutarlo a raccogliere i preziosi grappoli di nebbiolo. Sarà un'esperienza unica che riporterà tutti alle cose semplici, alla sfida a chi colma prima la cesta e al profumo dolce del mosto.

"Quando nel 2014 sono partito con il progetto della Vigna della Brera pensavamo di avere di fronte una sfida quasi impossibile da vincere. - spiega Giuseppe Longhi - Oggi, nonostante un’annata particolare in cui le uve sono state modellate dalle stravaganti condizioni climatiche di un'estate fuori dall’ordinario, siamo pronti per la nostra prima vendemmia a pieno regime, la prima anche per Copreno dopo oltre 200 anni, con la quale pensiamo di raccogliere tra i 3 e i 4 quintali di uva che, secondo le previsioni dell'enologo che sta seguendo il progetto, dovrebbero produrre un vino con un grado alcolico compreso tra i 12,5 e i 13 gradi. Ma l’emozione più grande sarà quella di dare il via alla pigiatura con un gesto simbolico, facendo schiacciare i primi acini dai piedini di mio figlio Diego, proprio come facevano i bambini una volta”. Tutte le bottiglie della vendemmia 2021 verranno sigillate con ceralacca rossa, sulla quale verrà apposto il marchio ‘Parvus sed meus’ - piccolo ma mio - realizzato da Longhi nobilitando un motto di famiglia ‘Pane e cipolla purché sia mio’".

C.d.G

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search