Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 29 Maggio 2012
di C.d.G.

Un operaio ferito, ma in modo lieve.

Altre 100.000 forme di parmigiano andate perdute.  Ancora ore di grande paura per l’Emilia Romagna.

La terra continua a tremare: almeno 15 le vittime accertate. Crollano fabbriche e chiese: un parroco sotto le macerie. Il sisma di magnitudo 5.8 con epicentro nel modenese si è manifestato con tutta la sua forza alle 9 di questa mattina. L’onda sismica si è poi fatta risentire alle 12.56 e alle 13.02. Le scosse sono state avvertite anche in Lombardia,Veneto e Trentino. 

In queste ore nuovamente frenetiche e di grande paura alcune fonti del Consorzio del Parmigiano Reggiano fanno sapere che alla luce delle nuove scosse di terremoto c’è stato, per fortuna, soltanto un operaio ferito nei loro magazzini e in forma lieve. Il terremoto ha colpito in un orario di piena attività per tutti i lavoratori. In quel momento, però, i capannoni non  sono molto frequentati perché i casari stanno producendo il formaggio.

Per quanto riguarda le altre forme di Parmigiano, che sono state danneggiate, in queste ore i vertici del Consorzio stanno sentendo  tutti i caseifici della zona per conoscere altri eventuali danni. Finora l’unico dato certo è che 100.000 forme sono andate perdute. La speranza è che le cifre non aumentino perché le stime sono ancora in fase di valutazione, fanno sapere dal Consorzio. Certamente i produttori del Parmigiano Reggiano sono molti scossi ma loro, ci dicono, sono abituati a rimboccarsi le maniche e a fare. Sperano soltanto che il terremoto dia un po’ di tregua.

Il presidente del Consorzio, Giuseppe Alai, in questi giorni è stato a Roma per un colloquio con il Sottosegretario alle Politiche Agricole Franco Braga. In questa occasione è stato presentato un quadro dettagliato dei danni subìti che, certamente, alla luce delle nuove scosse dovranno essere rivalutati. E’ stato chiesto di attivare misure urgenti e straordinarie, nonostante la crisi, per aiutare le imprese colpite da questa luttuosa calamità. E’ stato anche chiesto di stanziare adeguate risorse finanziarie per il ritiro straordinario da parte di Agea delle forme di Parmigiano Reggiano da destinare agli indigenti e di favorire il ripristino delle strutture produttive e delle attività connesse senza più false partenze causate dallo sciame sismico.    

Rosa Russo


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search