Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 13 Settembre2021
Roberto Potentini e Alberto Mazzoni

di Emanuele Scarci

"Non sarà certo un aumento del 20% delle giacenze del Matelica a vanificare il progetto del valore che stiamo realizzando. Ai produttori che hanno dell’invenduto consigliamo di non svenderlo: ci metterebbe in difficoltà. Lo ritiriamo noi della cantina Belisario. Non ci sono problemi".

Antonio Centocanti, presidente dell’Istituto Marchigiano di Tutela Vini (Imt) e presidente della cooperativa Belisario, intende andare fino in fondo con la sfida del valore e della qualità. La cantina Belisario produce il 70% dei 2 milioni di bottiglie della denominazione. A fine luglio 2021, secondo i dati Mipaaf, le giacenze di Verdicchio di Matelica ammontavano a oltre 27 mila ettolitri, circa il 20% in più del luglio 2020 e il 30% in più del luglio 2019. Per la Riserva gli aumenti sono, rispettivamente, del +18% e del +36%. Situazione capovolta per le giacenze del Verdicchio Castelli di Jesi: in linea con il 2020 e addirittura inferiori del 15% rispetto al 2019. I principali produttori di Matelica non lamentano giacenze significative e alcuni ritengono che gli stock siano concentrati per lo più nelle cooperative Belisario e Provima.

Il più premiato
Il Verdicchio di Matelica Doc e Docg è il vino bianco italiano a maggior tasso di riconoscimenti in rapporto alla superficie vitata. Nel 2020 sono stati 19 i prodotti premiati. Doc dal 1967 e dal 2010 anche Docg con il Verdicchio di Matelica Riserva, è in grado di esprimere tutto il potenziale di invecchiamento di uno dei più apprezzati vitigni a bacca bianca del panorama enoico nazionale. La denominazione si estende su 286 ettari attraverso i comprensori di 8 comuni a partire da Matelica. Insomma, una micro-denominazione, dove sono soltanto 26 le aziende che imbottigliano per la Doc e 7 per la Docg. Tuttavia il prezzo medio del bianco marchigiano è ancora troppo basso sia nella versione base, non arriva a 4 euro a bottiglia, sia per la Riserva, attorno a 10 euro. Giovanni Roversi, comproprietario di Borgo Paglianetto, cantina nata solo nel 2008, osserva che "se i prezzi non rispecchiano il valore della Denominazione è anche colpa di alcuni produttori che tendono a “svendere” il prodotto e abbassare l’asticella del valore".

Dal suo canto, Alberto Mazzoni, direttore di Imt, osserva che “il nostro vino riflette in modo esemplare l’imprenditore-tipo marchigiano, che è campione del fare ma non dell’apparire. Per questo oggi più che mai serve moltiplicare le occasioni di internazionalizzazione organizzate da Imt attraverso i fondi cofinanziati in Europa e nel mondo”. Mazzoni sottolinea che l’Imt (rappresenta l’89% dell’imbottigliato della zona di riferimento e incide per il 45% sull’intera superficie vitata regionale) <<non lascia indietro nessuna azienda, neanche la più piccola. Uno dei nostri compiti è di fare Sistema Marche”.

Più Matelica meno Verdicchio
A maggio 2021 è stata approvata dall’assemblea dei soci produttori dell’Imt la modifica al disciplinare di produzione che prevede il cambio del nome da “Verdicchio di Matelica Doc” e “Verdicchio di Matelica Docg” a “Matelica Doc Verdicchio” e “Matelica Riserva Docg Verdicchio”, con la parola del vitigno che diventerà facoltativa. “L’intento – commentano Tito e Mauro Bisci, proprietari dell’omonima cantina matelicese – è quello di legare ancora di più il vigneto al territorio e alle sue specificità. Il vitigno Verdicchio lo stanno piantando anche in altre parti del mondo, dal Sud Africa all’Australia, quindi in prospettiva diventerà internazionale. Pertanto potranno privarci del vitigno ma nessuno, col cambio del nome, operazione inizialmente dolorosa, potrà privarci del nostro territorio”.

 

Commenti   

0 #2 Adelelmo Volponi 2021-09-13 22:55
Installare una pianta con indicazione produttori invoglia i contatti per acquisto. Lasciata Matelica senza vini. Direzione Serrapetrona. Fornitomi e preso contatti. Promuovo tipicità in Veneto Orientale ai soli esercizi specializzati. Cordialità.
Citazione
0 #1 Adelelmo Volponi 2021-09-13 22:49
Ultima settimana di Agosto in zona.
Ad esclusione di Belisario gli altri produttori sembrano inesistenti. Installare una pianta del territorio con indicazione sedi produttori sarebbe già un primo passo.
Le Marche produce ma non si fa conoscere. Da Matelica nessun acquisto. Tappa successiva Serrapetrona. Promuovo tipicità in Veneto Orientale.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search