Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 22 Febbraio2013

 

Gli Usa incassano un nuovo record.

Con il vino. Tutt’altro che sottotono la produzione enologica statunitense, che cresce e anzi è determinata a conquistare sempre più quote di mercato all’estero. Lo dicono i dati del Wine Institute. L’export è aumentato del 2,6% nel 2012 con un giro di affari di 1,43 miliardi di dollari. In volume 424,6 milioni di litri. Il Paese target anche per gli Usa è la Cina. Rotta verso il Sol Levate quindi per le wineries statunitensi, soprattutto per quelle californiane che sono state introdotte nel Paese e presentate a operatori e consumatori con forti campagne di promozione. Una strategia che ha ripagato con una crescita dell’esportazioni del 18%, pari ad un valore di 74 milioni di dollari.

Quindi l’Europa dovrà fare i conti con i produttori d’oltreoceano nel suo crearsi spazio nel mercato più grande e promettente del prossimo futuro. Se da un lato diventano più forti, le etichette Made in Usa solo ad Hong Kong, che rimane il terzo bacino più grande, hanno registrato una flessione, un calo del 30%. Unico neo in una performance che registra l’espansione nel mondo asiatico, in Vietnam, in Sud Corea e in Giappone.

Altro dato che ci dice qualcosa sulle tendenze di consumo di casa nostra, nel nostro Vecchio Continente: i 485 milioni di dollari delle importazioni di vino dagli Usa. L'Europa si conferma il mercato di riferimento anche nel 2012, con un incremento del 1,7%. La crisi sembra non avere ostacolato la corsa degli Usa alla conquista dei consumatori di tutto il mondo. Ed anche in Canada si beve sempre più Usa. Il valore dell’esportazione in questo Paese ha raggiunto quota 434 milioni di dollari, un più 14% rispetto all’anno precedente.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search