Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2021 il 24 Ottobre2021
ph Vincenzo Ganci

di Fosca Tortorelli, Taormina

Etna Bianco, Fiano di Avellino, Verdicchio dei Castelli di Jesi, tre Denominazioni e tre grandi vitigni a confronto in una degustazione alla cieca con undici etichette rappresentative di tre grandi bianchi italiani.

Un confronto coinvolgente e divertente nella Masterclass condotta da Daniele Cernilli, alias DoctorWine e Federico Latteri di Cronache di Gusto e responsabile per la Sicilia della Guida Doctorwine; presenti anche Stefano Di Marzo, produttore irpino e presidente del Consorzio Vini d’Irpinia insieme ad Alberto Mazzoni, direttore dell’Imt (Istituto Marchigiano di Tutela Vini). Prima di entrare nel vivo del “gioco” di assaggi, una veloce descrizione degli areali oggetto della degustazione, proprio per avere alcuni riferimenti. Come ricordato da Stefano di Marzo: ”Siamo nel Sud Italia, in un’area protetta dagli influssi positivi delle montagne da un lato e dal mare dall’altro, un clima continentale che dona ai nostri vini molta acidità”. Denominazione di Origine Controllata e Garantita dal 2003, quella del Fiano di Avellino è la più ampia delle tre Docg irpine per estensione territoriale, con poco più di 430 ettari, per una produzione potenziale di poco superiore a 3 milioni di bottiglie per anno. L’area di produzione comprende 26 comuni, distribuiti nella sezione occidentale della provincia, attorno al capoluogo Avellino, tra la Valle del fiume Calore, la Valle del fiume Sabato e i pendii a ridosso del massiccio montuoso del Partenio.

Si passa poi al Verdicchio dei Castelli di Jesi. Siamo nelle Marche, qui un vero e proprio anfiteatro naturale rappresenta la cornice dov’è inserita la zona di produzione del Verdicchio dei Castelli di Jesi, con le sue colline rivolte verso il mare e al contempo la presenza del pre-Appennino, un’area solcata dal fiume Esino e circondata da ben 24 “Castelli”, icone del territorio. L’Etna, come è ben noto è uno dei vulcani attivi più famosi nello scenario naturalistico globale, aspetto che rende questa un’area vitivinicola davvero peculiare. In base al Disciplinare di produzione, il vino Etna Bianco è ottenuto da Carricante e Catarratto. Una disamina divertente, ma per nulla facile, considerando che si tratta di vitigni a bacca bianca abbastanza simili.

Come sottolineato da Cernilli: ”L’idea di assaggiare questi undici vini, non è fatta tanto per indovinare, ma per capire perché questo vino è riconducibile all’Etna, al Fiano Irpino o infine al Verdicchio marchigiano. Abbiamo scelto per tutti i campioni l’annata 2019, proprio per trovare una maggiore omogeneità nell’andamento climatico". Si parte con gli assaggi e si riscontra una oggettiva riconoscibilità e affinità con le caratteristiche territoriali, in particolare per i campioni di Verdicchio. Acidità, sale, corpo e personalità sono le caratteristiche che emergono e segnano i diversi campioni. “Quello che si cerca nei vini è il territorio” - come ricorda Daniele Cernilli citando “Il Respiro del Vino”, il libro di  Luigi Moio in cui viene espresso il concetto di “orchestra olfattiva” e la suddivisione tra vini solisti (i varietali e i semi varietali) e vini orchestrali (non varietali, neutri). “Le varietà neutre sono quelle che raccontano meglio il territorio di appartenenza”. Si scoprono così le carte, la curiosità è tanta, ma quello che colpisce è soprattutto l’entusiasmo che emerge per aver in linea generale riconosciuto le provenienze.

Di seguito i vini degustati

Doc Etna Bianco Etna Bianco Superiore "Contrada Rinazzo" 2019 Benanti
Sicuramente un vino estremamente interessante, dove si esprimono aromi delicati di fiori di zagara e mela matura. Il sorso è equilibrato e presenta una bella salinità.

Doc Verdicchio Classico Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore La Staffa 2019
Un bianco espressivo, equilibrato, affinato solo in acciaio, dalla personalità decisa. Anche qui il sorso è sostenuto da una buona freschezza e sapidità.

Docg Fiano di Avellino 2019 - Vigna Guadagno.
Vino di grande eleganza, con note agrumate di buccia di mandarino, erbe selvatiche fresche e nocciola. Il sorso è denso e disegnato dall’acidità.

Doc Etna Bianco A’Puddara 2019 – Tenuta di Fessina
Un vino intenso e strutturato, che presenta una bella complessità aromatica, con note di ginestra. Il sorso è caldo e sapido.

Doc Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Massaccio 2019 Tenute San Sisto
Un vino che ricorda il fiore di ginestra e le erbe aromatiche, con toni finali di mandorla amara; di di ottima e stuzzicante sapidità.

Doc Etna bianco "N'Ettaro" 2019 - Masseria Setteporte.
Un vino sapido e lungo.

Docg Fiano di Avellino Apianum 2019 - Salvatore Molettieri
Un vino di personalità, con intensi aromi di nocciola, seguiti da note floreali e fruttate. Buona lunghezza gusto - olfattiva.

Docg Fiano di Avellino Ex Cinere Resurgo 2019 - Terredora
Un vino che regala belle sensazioni con la sua eleganza e complessità; dal finale piacevole e lungo.

Doc Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Doc Ergo 2019 Mirizzi
Un sorso pieno e morbido ma anche fresco e sapido che incanta per il suo equilibrio.

Doc Etna Bianco Ante 2019 – I Custodi delle Vigne dell’Etna
Anice e frutta bianca, che si traducono in un sorso di grande freschezza e sapidità, con un finale lungo che gioca su note di mandorla fresca

Docg Fiano di Avelllino Refiano 2019 – Tenuta Cavalier Pepe
Un vino pieno, dotato di aromi intensi e persistenti

LA GALLERY (ph Vincenzo Ganci) 

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search