Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2021 il 24 Ottobre2021

Vini dalla personalità spiccata, adatti all'accompagnamento del cibo, traccianti nelle loro annate e paragonabili a dei mostri sacri della tavola.

Conosciamo al "Taormina Gourmet 2021" da vicino la Cascina Maddalena che forse non è conosciuta nella sua forma autentica con le sue linee leader Capotesta e la propria selezione Clay, legata al territorio di appartenenza. Una delle massime espressioni del Lugana grazie alla famiglia Zordan con Luciano e Mattia (32 anni), presenti alla masterclass di oggi pomeriggio. La quarta generazione è Mattia con le sue sorelle (Elisa ed Elena), ognuno con una posizione precisa in azienda. Conduzione familiare a sud del Lago di Garda tra Veneto e Lombardia, con il piccolo vitigno Turbiana, immerso in un habitat particolarmente mite. Terreno argilloso da cui deriva il Clay con sapidità e struttura. Ci piace il gusto salmastro di Lugana di Sirmione. Luciano - il papà racconta: "Si vendemmiava tradizionalmente col torchio a mano. Io e mia moglie Raffaella eravamo abituati con questo metodo. I miei figli sono il futuro e lo sviluppo". Per capire la Lugana si deve differenziare la zona delle colline moreniche dove si è sciolto il ghiacciaio e quella centrale del Lago delle argille bianche che è la zona dove i Zordan coltivano. Il Trebbiano di Lugana è un congiunto stretto del Trebbiano di Soave (prodotto nelle aree limitrofe) ed è la diretta espressione del territorio, assimilabile alla famiglia dei verdicchi. La superficie vitivinicola dei Zordan è a 300 metri dal lago. Il sistema di coltivazione semplice e accurato. Si schiaccia meno l'uva.

L'annata 2019 è equilibrata senza sbalzi di temperatura, né troppo caldo né troppo freddo. Il risultato è un giallo paglierino con riflesso verdolino. La parte fruttata è un complemento, ma la nota più stringente è quella minerale. Struttura, il corpo più forte di un Etna bianco, ma con una certa salinità spiccata. La Lugana è anche una bolla del Mediterraneo dove si coltivano persino i capperi. Mattia spiega: "Sulla stessa vigna raccogliamo dalle 2 alle 3 volte. Su Capotesta utilizziamo lieviti, su Clay nessun Lievito (solo indigeni)". Il passaggio in cantina è importantissimo. Capotesta passa nove mesi in acciaio, Clay un anno di acciaio ed uno di bottiglia. Il Clay è avvolgente quasi come un rosso. L'opportunità di usare tappi Stelvin permette una maggiore freschezza: il vino matura ma non stanca mai e Mattia lo definisce "scattante". È una combinazione di intensità e mineralità. Dal 2018, con una produzione equilibrata, si passa al 2017 - annata caldissima. Questa risulterebbe pesante senza questa scia sapida. Vini meno espressivi perché imbottigliati giovani vengono fuori con freschezza sapida. Annata 2016 è una delle più belle con uva stupenda (neanche un chicco perso), grandi qualità e quantità, vendemmia abbastanza tardiva ad ottobre. Di maggior eleganza con una pienezza nel sorso, profumi di agrumi e una leggera punta di carosene, già visibili nel Riesling o nell'Etna. Annata 2014 con il Capotesta ha un'impronta fortemente minerale. Nel Clay della stessa annata divampa un potere di freschezza. Un frutto coraggioso, il più emozionante secondo Mattia Zoddan. In questo caso, ne sono scaturite 16mila bottiglie, in genere circa 30mila. I vini Lugana entrano nella casa "Teatro del vino" per la distribuzione che fa molto onore alla dinastia Zordan.

Marcella Ruggeri 

LA GALLERY (ph GdG) 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search