Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Taormina Gourmet 2022 il 22 Ottobre2022
ph Vincenzo Ganci - Migi Press

di Clara Minissale

Il Nebbiolo dell’alto Piemonte: l’eleganza mai scontata.

Una degustazione di undici vini e nove Doc guidata da Federico Latteri di Cronache di gusto, per scoprire caratteristiche e sfumature dei vini selezionati dal Consorzio del Nord Piemonte che tutela, valorizza e cura gli interessi relativi alle Denominazioni di Origine dei vini Boca, Bramaterra, Colline Novaresi, Coste della Sesia, Fara, Gattinara, Ghemme, Lessona e Sizzano.
Si tratta di vini nati in un territorio che si estende su quattro province ed identificato dal fiume Sesia, che lo divide in due grandi aree: colline novaresi e coste della Sesia. La parte più a nord è costituita, invece, dalle Valli Ossolane.

Un mosaico di territori con diverse altitudini e composizioni di suolo e diversa complessità che si rispecchia nei vini in degustazione di cinque annate diverse che vanno dal 2019 al 2015.
Nel dettaglio, nei calici: Valli Ossolane doc, Nebbiolo superiore Prunet 2019; Boniperti vignaioli, Fara doc 2019; Platinetti Guido, Ghemme docg, Vigna Ronco al Maso 2018; Antoniotti Odilio, Bramaterra doc 2018; Tenute Guardasole, Boca doc 2018; La Capuccina, Colline Novaresi, doc Opera 32; Antoniolo, Gattinara docg, San Francesco 2017; Massimo Clerico, Lessona doc 2017; Cantina Comero, Sizzano doc 2017; Travaglini Gattinara riserva, docg 2016; Torraccia del Piantavigna, Ghemme docg 2015. Sono vini con una notevole freschezza e una certa florealità o balsamicità. L’espressione del Nebbiolo dell’Alto Piemonte è infatti, completamente diversa rispetta a quella del più conosciuto Nebbiolo delle Langhe. Sentori che spaziano dal floreale di viola e rosa al legno, alle spezie, alle espressioni di un suolo vulcanico e morenico.

ALCUNE FOTO (ph Vincenzo Ganci, Migi Press)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search