Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2019 il 11 Aprile 2019
di C.d.G.

di Andrea Camaschella

Vinitaly e la birra, pare un controsenso già dal nome dell’evento. La birra artigianale mischiata ai vari special brand delle grandi multinazionali, altro controsenso piuttosto grave, in questa fase in cui si sta cercando di spiegare al grande pubblico cosa sia davvero artigianale e cosa non lo sia semplicemente stando sui parametri di legge: indipendenza, limiti produttivi per quantità e metodologie, cioè non pastorizzata e non microfiltrata, senza nemmeno parlare di qualità.

Il “mischione” genera, sugli artigianali, confusione. Girovagando per gli stand del padiglione C, tra olio, formaggi, birra, salumi, miele e chi più ne ha più ne metta, tra poche persone (per lo più con un taglio non business) viene da dire che quello spazio andava riempito a tutti i costi, anche a costo di mettere davanti ai birrifici una specie di bar che scimmiotta l’oktoberfest con annessi e connessi come la pessima birra, spillata male, odore di fritto e crauti che si spande, creando una situazione spiacevole per chi volesse davvero assaggiare una birra degli stand attorno. Mancanza di conoscenza più che dolo da parte dell’organizzazione, ma visti i costi degli stand, potremmo dire una mancanza colposa.

Se è vero che alcuni birrifici sono emanazione di aziende agricole, se è vero che il formaggio nasce, come la birra, da una fermentazione, resta comunque il dubbio di cosa ci facciano tutte queste categorie merceologiche in un unico contenitore. Nel padiglione F denominato Organic Hall trovano invece casa i vini naturali, biodinamici, e poi la parte tecnica, che ben poco ci azzecca proprio con quel tipo di vini e con la filosofia di quei produttori.

Proposta: perché non mettere i birrifici artigianali in un’area adiacente i vini naturali? E’ molto probabile che chi è interessato alla prima, sia anche un consumatore dei secondi o viceversa, è molto probabile che piccoli distributori, italiani ed esteri, interessati a prodotti di nicchia, possano lavorare con entrambi, creando dei portfoli interessanti per il cliente finale. E’ un’idea, non suffragata dalla prova pratica, ma sulla quale si dovrebbe se non lavorare, almeno riflettere.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search