Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2022 il 10 Aprile2022
Giuseppe Cupertino e Giovanni Ventrelli

Valorizzare la biodiversità attraverso i vitigni cosiddetti minori, o meglio meno conosciuti.

Questo l’obiettivo del primo dei tre winetasting organizzati da Rp Consulting nel primo giorno di apertura del Vinitaly. "È sbagliato parlare di vitigni minori, sono semplicemente meno noti – ha affermato Giovanni Ventrelli, l’head manager - Fanno parte del patrimonio ampelografico della Puglia e hanno la stessa dignità degli altri. Tanti produttori si dedicano con fatica e sudore a queste produzioni particolari. Oggi diamo loro il risalto che meritano certi che conquisteranno i palati degli esperti e dei winelover”. Giuseppe Cupertino, presidente della Fondazione Italiana Sommelier in Puglia, ha condotto la degustazione. La platea ha scoperto che il susumaniello e l’ottavianello vinificati sia in rosato che in rosso riservano innumerevoli sorprese e che hanno tutte le carte in regola per conquistare i gusti e i mercati. Il pregiudizio nei loro confronti è solo una reminiscenza del passato, l’approccio è cambiato. “Preferisco chiamarli vitigni diversi - ha sottolineato Giuseppe Cupertino - sono i nuovi blasoni della Puglia enoica, sono in grado di competere con le altre tipologie a livello internazionale”.

Il susumaniello è una varietà d’uva antichissima, coltivata solo in Puglia, in provincia di Brindisi e in un lontano passato era l’uva rossa principe della Valle d’Itria. Il nome ricorda il somarello perché ha la tendenza a caricarsi di grappoli come un somaro, per via della sua eccezionale produttività. L’ottavianello deve invece il proprio nome probabilmente ad Ottaviano, comune in provincia di Napoli dal quale venne introdotto nella zona di Brindisi verso la fine dell'Ottocento grazie al Marchese di Bugnano. Le etichette in degustazione sono otto:

150 Susumaniello di Apollonio
Colore rosa tenue. Pressatura soffice per conservare il gusto fruttato e floreale a basse temperature. Al naso petali di rosa e fragolina di bosco. Al gusto salino, tagliente e complesso, sul finale si avverte il tannino. Ben si accompagna con i piatti di mare;

Tre Tomoli Rosa Vigna Flora
Cerasuolo carico. Al naso le note fruttate sono più evidenti di quelle floreali. In bocca rotondo e armonioso, ricorda la caramella alla fragola. La prima annata risale al 2013, è un vino delicato e di struttura come la produttrice;

Alture Paolo Leo
Rosso Cupo. All’olfatto frutti rossi, mirtillo, mora e nota vegetale. Al palato è una esplosione di gusto.

Oltremè Tenute Rubino
La cantina ha puntato molto su questo vitigno. È stata la prima nel 2000 a riprendere la coltivazione. Colore impenetrabile con sfumature porpora. Naso elegante , al palato fresco, sapido.

Morso Rosso Tenuta Viglione
Colore scuro e impenetrabile. Naso elegante con note di tabacco. Non è di facile beva, buona la persistenza.

Sumaest cantina Sampietrana
Rosso rubino. Al naso note eteree legate alla maturità, la nota balsamica ricorda la liquirizia. Grande corpo.

Flaminio Agricole Vallone
Rubino tenue. Al naso note iodate, liquirizia dolce che declina al minerale. In bocca è sapido, quasi tannico.

Somma ottavianello Carvinea
Al naso note balsamiche e speziate, eucalipto in particolare. Al gusto complesso e minerale, fresco e diretto.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search