Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly 2022 il 10 Aprile2022
Luca Zaia - ph Ennevi VeronaFiere

Luca Zaia, il presidente del Veneto, è il solito anfitrione.

Nel suo intervento di inaugurazione della 54esima edizione del Vinitaly, ribadisce con forza tutta la sua appartenenza al Veneto. "Siamo i numeri uno per produzione di vini con 11 milioni di ettolitri, abbiamo 55 denominazioni, siamo i primi produttori in Italia, esportiamo oltre 2,2 miliardi di euro, ossia il 36 per cento di tutto il totale nazionale. Mica bazzecole. Se dovessimo fare una classifica sul valore dell'export, al primo posto c'è la Francia, al secondo l'Italia, poi la Spagna e dopo noi. Non è uno scherzo". Poi un micro-attacco all'Europa: "La smetta con quesa etichetta a semaforo sui vini - dice - E' fondamentale che si faccia qualcosa. L'agricoltura del Nord Europa, che vuole fortemente questa cosa, non è vera agricoltura. La nostra è identità, storia, tradizioni". L'Italia è in un momento di difficoltà, dice Zaia, visto che solo adesso "abbiamo compreso che le capsule per i vini arrivano in gran parte da quei paesi che sono in guerra, che comincia a pesare il costo del vetro e della carta, così come gli aumenti ingiustificabili sul costo delle materie prime. Ma non sono accettabili fenomeni di speculazioni su cibo ed energia. Occorre vigilare". Sulla crisi internazionale "deve vincere la diplomazia - dice - non servono le prove muscolari. Ogni minuto muoiono civili innocenti che hanno avuto solo la sfortuna di trovarsi in quest paesi coinvolti da un conflitto inspiegabile". Poi conclude: "Ho una preoccupazione - dice - e riguarda questo shopping irrefrenabile che sta coinvolgendo le aziende italiane e, da qualche tempo, anche quelle del Veneto, soprattutto i brand importanti. Sapete che io sono un liberale e il mercato è libero, ma non si possono accettare alcune vendite che, poi, rappresentano dei nostri fiori all'occhiello. Mi chiedo se sia possibile applicare il "golden power", ossia il divieto di vendita di alcuni nostri brand". Zaia non svela di quali brand si tratti. "Ci sono alcune cose che vanno difese fino in fondo".

G.V.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search