Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Vinitaly Special Edition il 19 Ottobre2021
Giovanni Mantovani

di Giorgio Vaiana, Verona

E' soddisfatto Giovanni Mantovani, direttore generale di VeronaFiere.

Lo becchiamo in giro per i padiglioni e l'occasione è propizia per chiedergli un bilancio di questa tre giorni del Vinitaly Special Edition nella insolita versione autunnale. "Un appuntamento storico - dice Mantovani - I dati e il sentiment dei produttori sono positivi. Così come i numeri, davvero confortanti". In questi tre giorni sono stati oltre 12 mila i professionisti che hanno affollato i tre padiglioni allestiti da VeronaFiere. "Stiamo parlando di buyer italiani e internazionali - prosegue Mantovani - e spiccano soprattutto quelli provenienti dai paesi in cui storicamente è forte l'export dei vini italiani, come Stati Uniti, Canada, Russia e Germania. Non sono mancate le sorprese con Svizzera, Est Europa, paesi balcani, Cina anche se non ai livelli a cui siamo abituati e dal Regno Unito". Intanto i vertici sono già al lavoro per la versione "normale" che tornerà dal 10 al 13 aprile 2022 nella versione ormai conosciuta e consolidata: "Siamo già proiettati alla prossima edizione, quella del rientro al cento per cento alla normalità - prosegue Mantovani - ma è chiaro che faremo riferimento anche alle esperienze maturate in questi tempi difficili causati dalla pandemia". A cominciare da OperaWine, "ma anche dagli altri eventi - dice il direttore - Da un lato ci sono gli operatori che hanno esigenze di avere contatti diretti con i buyer, ma dall'altro lato c'è anche voglia di accogliere gli appassionati e i consumatori. L'edizione del 2022 sarà migliorata tantissimo sotto tutti i punti di vista". Sulla proposta del "doppio-Vinitaly" fatta dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia, Mantovani dice: "Abbiamo altre fiere all'estero con un calendario molto fitto - dice - Un eccesso di eventi fieristici non credo giovi ai produttori italiani".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

4) Torta stracciatella

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search