Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Assaggi e Personaggi il 08 Giugno 2011
di Redazione

di Luca Gardini

Carisma, determinazione, sensibilità. Sono queste le caratteristiche che contraddistinguono il team dell’azienda vitivinicola Leuta.

Azienda, che si trova a Cortona (Arezzo), nata nel 2003 dall’iniziativa di Denis Zeni al quale si affianca presto Enzo Berlanda. Due giovani quarantenni veramente in gamba. Ciliegina sulla torta la giovanissima, soltanto 24 anni, e preparata enologa Elena. I loro vini rispecchiano tutto il loro carattere e soprattutto il territorio. Il mio preferito è il 1,618, un Merlot. E’ un vino che ha in sé tutta la potenza che lo contraddistingue assieme alla raffinatezza e all’eleganza. C’è tutto il fruttato tipico di questo vitigno accanto agli odori di geranio, menta secca, alloro. Quel sapore rotondo, morbido, con un lieve tocco di vena acida è il top a mio avviso. Il simbolo dell’azienda è un pentagono. Il loro obiettivo è infatti quello di dar vita a cinque prodotti, cinque vini.

Sinora sono arrivati a quattro, è ancora infatti la loro seconda vendemmia. Si tratta di etichette prodotte da monovitigni. Il biologico è la loro filosofia e basta fare un giro tra le vigne per rendersene conto. Vigne bellissime, ben curate dove la chimica ha uno spazio piccolissimo. Tutte le loro etichette non solo rispecchiano, ‘parlano’ del territorio, ma sono vini versatili che si abbinano e a piatti della tradizione e a piatti innovativi. A prezzi bassi, 38 euro circa è il prezzo di una bottiglia al ristorante.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giuseppe Molaro

Contaminazioni restaurant

Somma Vesuviana (Na)

4) Carota, bufala e pomodoro del Piennolo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search