Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Articoli sul Marsala il 23 Giugno 2010
di Redazione

Lo dice Michèle Shah, corrispondente per Wine Business International e sommelier India. Le nuove generazioni non conoscono il Marsala. “E' un vino al di fuori dei trend del mondo di oggi. Per salvarlo bisogna comunicare in modo massiccio nuovi modi di consumo”

“In Inghilterra
è scomparso”

“Un vino passato di moda figlio dell'epoca Vittoriana. In Inghilterra il Marsala non lo conosce più nessuno. Andrebbe di nuovo comunicato in modo massiccio e magari suggerito come drink trendy”. Lo dice una delle donne inglesi più esperte di vino: Michèle Shah, corrispondente per Wine Business International e sommelier India.

Da inglese cosa pensa del Marsala?
“Un vino al di fuori delle tendenze del mondo d'oggi. Sono cambiati gli stili di vita, è cambiata anche la cucina, la moda del Marsala è da tempo superata. Faceva parte del mondo vittoriano, del modo di vivere e di mangiare di quell'epoca”.

E' ancora conosciuto ed apprezzato in Inghilterra?
“Non lo conosce quasi più nessuno, perché non si beve più, non fa proprio parte del consumo attuale. Magari qualche ristoratore ancora lo tiene o qualche enoteca, ma parliamo di intenditori di un'altra generazione. Quella di oggi non lo conosce. Come non si conosce più lo Sherry, che è molto simile al Marsala, prima consumato dalle signore come aperitivo fino a 50 anni fa”.

Cosa si beve oggi in Inghilterra?
“C'è il boom del Prosecco, poi si bevono molto vini bianchi, e poi ovviamente la birra ed il gin tonic. Ma non si beve più lo Cherry come si faceva una volta o il Marsala. Un tempo non si serviva vino al pub, e i liquorosi erano invece consumati abitualmente. Oggi se si va al pub, gli uomini bevono whisky e birra e sempre più donne il vino”.

Però il Porto continua ad avere successo…
“E' vero. Il Porto va ancora perché ci sono istituzioni molto conservatrici che hanno sempre consumato questo vino e continuano a farlo, intendo certi club inglesi. Oppure è abitudine consumarlo a Natale in abbinamento allo Stilton, il formaggio erborinato inglese. Si sono mantenuti forti i legami economici di commercio con il Portogallo, come anche con la regione di Bordeaux. Purtroppo quello del Marsala c'era, ma è stato tanto tempo fa e non è stato fatto niente per mantenerlo. Il Marsala ha perso la nave”.

Cosa si dovrebbe fare?
“Una campagna massiccia per promuoverlo, per far capire come consumare il Marsala, quando abbinarlo ai formaggi, oppure come berlo come drink trendy o cocktail. É solo un'idea, una possibilità che magari potrebbe portare questo vino a ritrovare un suo posto all'interno del mercato. Anche se devo essere sincera lo vedo difficile, è un problema comune a tutte le bevande alcoliche dolci”.

Dal punto di vista qualitativo come lo trova oggi?
“Sostengo che ci sono pochi produttori che fanno ancora un Marsala buono con criteri giusti. Però il vero problema di questo decadimento è anche un altro. Se da un lato si rischia di perdere una ricchezza, un patrimonio vitivinicolo, dall'altro posso capire che se qualcosa non vende poi significa che non si ha la possibilità di fare investimenti grossi a partire dalla vigna. Se non c'è un ritorno economico è difficile portare avanti questo prodotto”.

Il rilancio lo vede anche lei in vigna?
“C'è bisogno di un'opera massiccia di recupero non solo in vigna ma anche nell'immagine. Inutile fare lavori in vigna e se non c' è apertura e sbocco commerciale”.

Manuela Laiacona

Lo dice Michèle Shah, corrispondente per Wine Business International e sommelier India. Le nuove generazioni non conoscono il Marsala. “E' un vino al di fuori dei trend del mondo di oggi. Per salvarlo bisogna comunicare in modo massiccio nuovi modi di consumo”

“In Inghilterra
è scomparso”

“Un vino passato di moda figlio dell'epoca Vittoriana. In Inghilterra il Marsala non lo conosce più nessuno. Andrebbe di nuovo comunicato in modo massiccio e magari suggerito come drink trendy”. Lo dice una delle donne inglesi più esperte di vino: Michèle Shah, corrispondente per Wine Business International e sommelier India.

Da inglese cosa pensa del Marsala?
“Un vino al di fuori delle tendenze del mondo d'oggi. Sono cambiati gli stili di vita, è cambiata anche la cucina, la moda del Marsala è da tempo superata. Faceva parte del mondo vittoriano, del modo di vivere e di mangiare di quell'epoca”.

E' ancora conosciuto ed apprezzato in Inghilterra?
“Non lo conosce quasi più nessuno, perché non si beve più, non fa proprio parte del consumo attuale. Magari qualche ristoratore ancora lo tiene o qualche enoteca, ma parliamo di intenditori di un'altra generazione. Quella di oggi non lo conosce. Come non si conosce più lo Sherry, che è molto simile al Marsala, prima consumato dalle signore come aperitivo fino a 50 anni fa”.

Cosa si beve oggi in Inghilterra?
“C'è il boom del Prosecco, poi si bevono molto vini bianchi, e poi ovviamente la birra ed il gin tonic. Ma non si beve più lo Cherry come si faceva una volta o il Marsala. Un tempo non si serviva vino al pub, e i liquorosi erano invece consumati abitualmente. Oggi se si va al pub, gli uomini bevono whisky e birra e sempre più donne il vino”.

Però il Porto continua ad avere successo…
“E' vero. Il Porto va ancora perché ci sono istituzioni molto conservatrici che hanno sempre consumato questo vino e continuano a farlo, intendo certi club inglesi. Oppure è abitudine consumarlo a Natale in abbinamento allo Stilton, il formaggio erborinato inglese. Si sono mantenuti forti i legami economici di commercio con il Portogallo, come anche con la regione di Bordeaux. Purtroppo quello del Marsala c'era, ma è stato tanto tempo fa e non è stato fatto niente per mantenerlo. Il Marsala ha perso la nave”.

Cosa si dovrebbe fare?
“Una campagna massiccia per promuoverlo, per far capire come consumare il Marsala, quando abbinarlo ai formaggi, oppure come berlo come drink trendy o cocktail. É solo un'idea, una possibilità che magari potrebbe portare questo vino a ritrovare un suo posto all'interno del mercato. Anche se devo essere sincera lo vedo difficile, è un problema comune a tutte le bevande alcoliche dolci”.

Dal punto di vista qualitativo come lo trova oggi?
“Sostengo che ci sono pochi produttori che fanno ancora un Marsala buono con criteri giusti. Però il vero problema di questo decadimento è anche un altro. Se da un lato si rischia di perdere una ricchezza, un patrimonio vitivinicolo, dall'altro posso capire che se qualcosa non vende poi significa che non si ha la possibilità di fare investimenti grossi a partire dalla vigna. Se non c'è un ritorno economico è difficile portare avanti questo prodotto”.

Il rilancio lo vede anche lei in vigna?
“C'è bisogno di un'opera massiccia di recupero non solo in vigna ma anche nell'immagine. Inutile fare lavori in vigna e se non c' è apertura e sbocco commerciale”.

Manuela Laiacona


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

2) Ravioli di Genovese di Polpo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search