Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Articoli sul Marsala il 12 Maggio 2010
di Redazione

Non solo Simmenthal. Le foto inviate via email da un produttore di vino siciliano documentano l’uso improprio della Doc più antica dell’Isola. E' il momento di fare qualcosa

Negli Usa il Marsala
è una salsa

Non solo Simmenthal. Il Marsala all’occorrenza lo si trova sotto forma di una salsa. Scandalo? Macché. Per il Consorzio e per alcune aziende che producono Marsala, a giudicare dalla replica ai nostri articoli e alle dichiarazioni del professore Attilio Scienza, è assolutamente normale.
Le foto che pubblichiamo, a corredo di quest’articolo, le ha inviate via email dagli Usa un produttore siciliano di vino. Che sta seguendo con tanto interesse e apprezzamento - sono parole sue - la nostra campagna sulla Doc più antica di Sicilia. Le foto sono state fatte da William Sanoma, che è una catena di food shop in Usa dove si vende per l’appunto salsa al Marsala prodotta in California.
Il bello è che non siamo di fronte a un caso di pirateria alimentare molto diffusi nel mondo a danno dell’Italia, come la mozzarella fatta in Cina o la storia del Parmesan (poi vinta dal Consorzio del Parmigiano Reggiano, per esempio).

È tutto, per così dire, lecito. Ma a noi fa venire il voltastomaco. Continua a farci una certa impressione negativa vedere il nome del vino Doc siciliano più importante sbattuto a destra e a manca senza quel minimo di rispetto e di autorevolezza che invece la storia di questo vino imporrebbe. Insomma, il messaggio che passa è che del Marsala se ne può fare quello che si vuole. Esistono Doc in Italia che sono trattate allo stesso modo? Se ritenete di sì, per piacere, scriveteci. Ne parleremo, è ovvio. Il dibattito sul Marsala continua. Il nostro obiettivo è rimasto immutato: ridare dignità a questo grandissimo vino che è la stessa storia della Sicilia.

F. C.

Non solo Simmenthal. Le foto inviate via email da un produttore di vino siciliano documentano l’uso improprio della Doc più antica dell’Isola. E' il momento di fare qualcosa

Negli Usa il Marsala
è una salsa

Non solo Simmenthal. Il Marsala all’occorrenza lo si trova sotto forma di una salsa. Scandalo? Macché. Per il Consorzio e per alcune aziende che producono Marsala, a giudicare dalla replica ai nostri articoli e alle dichiarazioni del professore Attilio Scienza, è assolutamente normale.
Le foto che pubblichiamo, a corredo di quest’articolo, le ha inviate via email dagli Usa un produttore siciliano di vino. Che sta seguendo con tanto interesse e apprezzamento - sono parole sue - la nostra campagna sulla Doc più antica di Sicilia. Le foto sono state fatte da William Sanoma, che è una catena di food shop in Usa dove si vende per l’appunto salsa al Marsala prodotta in California.
Il bello è che non siamo di fronte a un caso di pirateria alimentare molto diffusi nel mondo a danno dell’Italia, come la mozzarella fatta in Cina o la storia del Parmesan (poi vinta dal Consorzio del Parmigiano Reggiano, per esempio).

È tutto, per così dire, lecito. Ma a noi fa venire il voltastomaco. Continua a farci una certa impressione negativa vedere il nome del vino Doc siciliano più importante sbattuto a destra e a manca senza quel minimo di rispetto e di autorevolezza che invece la storia di questo vino imporrebbe. Insomma, il messaggio che passa è che del Marsala se ne può fare quello che si vuole. Esistono Doc in Italia che sono trattate allo stesso modo? Se ritenete di sì, per piacere, scriveteci. Ne parleremo, è ovvio. Il dibattito sul Marsala continua. Il nostro obiettivo è rimasto immutato: ridare dignità a questo grandissimo vino che è la stessa storia della Sicilia.

F. C.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search