Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 36 del 22/11/2007 il 22 Novembre 2007
di Emanuele Di Bella
    VERDE A TAVOLA


alloro_hp.jpgLe corone che decoravano i poeti nelle agorà e premiavano i vincitori delle Olimpiadi ad Atene, poi gli infusi e le leggende

Alloro,
profumo ellenico…

I bouquet non sono solo di fiori ma anche di erbe. E nel famoso “bouquet garni”, che riassume gli impieghi delle erbe nella cucina francese, l’alloro ha una posizione dominante. Leclerc sosteneva che l’alloro comunica un profumo di ellenimo e latinità, dunque va ampiamente utilizzato per condire le pietanze, nelle salse, per conservare i cibi in salamoia.
Ben lo sanno le nostre massaie che non rinunciano all’alloro per aromatizzare soprattutto le patate al forno, spolverate da frantumi di foglie secche. Carni, pesci, insalate. È sterminato l’impiego dell’alloro. E perfino il malato può dire grazie all’alloro visto che anche nei casi di maggiore debilitazione fisica può mangiare un buon petto di pollo lessato con cipolla e foglie d’alloro.
Ma non è solo in cucina che l’alloro dà il meglio di sé. Le sue virtù antisettiche e digestive erano note fin dall’antichità. I medici greci ne facevano largo uso, tanto di bacche quanto di foglie. Nel Rinascimento l’alloro era considerato da Thibault Lespleigney un rimedio contro molti mali, al punto da affermare che “in quest’albero virtù abbondano. Così come alberi in questo mondo”.
Solo per restare nell’ambito dei rimedi casalinghi, l’alloro è il principe contro il mal di stomaco: il “canarino”, un decotto di foglie d’alloro secche e una punta di limone, rimette a posto tutto. Se al posto del limone si aggiunge la scorza d’arancio si ha un effetto espettorante. L’olio di alloro, invece, sarebbe benefico contro i reumatismi.
Tipico delle regioni mediterranee, l’alloro (Laurus nobilis) ha un’origine che si perde nella leggenda. La vergine Dafne, inseguita da Apollo, si trasformò in alloro per non concedersi al dio che bramava di conquistarla. Nelle agorà i poeti venivano incoronati d’alloro, così come gli atleti vincitori alle Olimpiadi. Un albero di eccezionali dimensioni vegetava nel centro storico di Palermo, nel cortile del palazzo San Gabriele. Era così grande che alla fine diede il nome alla strada Quattrocentesca. E quando morì, tutti i diaristi ne diedero notizia. Come se fosse stato un uomo illustre. Il particolare non sfuggì a Sciascia, il quale scrisse: “Tanta precisione nella data di estinzione di un albero dà alla fantasia. È possibile stabilire la data precisa in cui per vecchiaia un albero muore? Come se si stesse a spiarne la morte, giorno dopo giorno e finalmente, caduta e ingiallita l’ultima foglia, ecco la certificazione di morte da tramandare ai posteri. Resta forse unico il fatto che della morte di un albero sia stata tramandata la data precisa come quella della morte di un uomo”.


Mario Pintagro

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search