Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 62 del 22/05/2008 il 21 Maggio 2008
di Emanuele Di Bella
    IL CONGRESSO

mucca_hp62.jpgVeterinari a confronto all’Istituto zooprofilattico a Palermo. Mucca pazza? “Interventi efficaci”

Qualità dei cibi
e salute


L’influenza aviaria, la tubercolosi bovina e la mucca pazza. Sono alcuni degli argomenti affrontati dal quinto congresso nazionale Aipvet (Associazione italiana di patologia veterinaria) organizzato dall’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia “A. Mirri”, che si è svolto a Palermo.

Due giorni di confronto su tematiche di patologia generale ed anatomia patologica veterinaria, per capire cosa arriva sulle nostre tavole e quali sono i rischi per la salute umana. In particolare i ricercatori hanno illustrato un nuovo metodo per verificare sia nei bovini, e per la prima volta negli ovini, la presenza di anabolizzanti. “La medicina umana, considerata fino a qualche anno fa quella per eccellenza - ha spiegato Andrea Antonio Riela, direttore generale dell'I.Z.S. della Sicilia - deve compiere un atto di umiltà, collaborando con la sua omologa veterinaria”.
riela62.jpgL’uso degli anabolizzanti negli animali, per esempio, può provocare seri rischi per la salute umana. “Eventuali residui di trattamento – spiega Massimo Castagnaro, coordinatore della Conferenza dei presidi di Medicina Veterinaria - potrebbero scatenare nel nostro organismo tossicosi acute. Purtroppo – continua Castagnaro - attorno a questa pratica girano cospicui interessi di aziende internazionali, che aggiornano continuamente queste sostanze rendendo difficile trovare nuovi antidoti”. Il nuovo metodo, finanziato dal ministero della salute e promosso dall’istituto Mirri, rappresenta un progetto pilota durato due anni che consiste nell’aver individuato negli animali, degli organi maggiormente colpiti dagli anabolizzanti. “In questo modo – conclude Castagnaro – sarà più facile il riscontro dei più comuni trattamenti di queste sostanze nocive”. Durante il meeting, è stato affrontato anche il tema della BSE o più comunemente detta mucca pazza.
“Negli ultimi anni, - ha sottolineato Maria Caramelli, responsabile del centro di referenza nazionale per la Bse presso l'istituto zooprofilattico sperimentale di Torino. - si è riscontrata una discesa della prevalenza della BSE in tutta Europa, ma particolarmente in Italia. Efficaci le misure messe in atto per fronteggiare il problema, come eliminare il tessuto nervoso dagli animali macellati, prima che siano immessi nella catena alimentare, e vietare l'uso di farine alimentari, responsabili della diffusione della malattia”.



Alessandra Ferraro


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search