Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cronache dal Vinitaly il 02 Dicembre 2013
di C.d.G.

Operazione di traferimento rischiosa e costosa, ad accogliere il patrimonio sarà la sede dell'Inra a Narbona

E’ stata dichiarata l’equivalente viticolo di ciò che si trova al Louvre.

La collezione Domaine de Vassal, risale al 1876, si estende su 27 ettari e custodisce varietà provenienti da tutto il mondo, da 40 Paesi.  Ma nei prossimi cinque, sette anni l’intero patrimonio, che ha inestimabile valenza storica e culturale, e gestito dall'Inra verrà a poco a poco trasferito alla sede dell'Istituto di Peche Rouge a Narbona. Operazione delicatissima e complicata, oltre che costosa, che ha portato allo scoppio di una vera e propria rivolta da parte di agronomi e ricercatori e ad una petizione on line. Secondo chi si oppone a tale spostamento ci sarebbero ragioni di risparmio, di tagli per il bilancio con il rischio di perdere questa immenso corpus di varietali, la maggior parte non innestati.

La biblioteca vivente fu creata dall’Università di Agraria di Montpellier dopo l’arrivo della fillossera, per custodire e salvare varietali che rischiavano di scomparire per sempre. Comprende circa 2300 tipi di Vitis vinifera, 800 varietà di viti interspecifiche, 230 di portainnesto, 28 specie selvatiche, oltre 2000 varietà di razza ibrida recenti. Si trova nel lebo sud della Francia, tra la spiaggia Marseillan e il Lago Thau. Ed è proprio la posizione del prezioso vigneto ad avere fatto optare per il trasferimento. Secondo l’Inra il sito è minacciato dall’innalzamento del livello del mare, e sarebbe oramai insufficiente per ospitare le nuove viti che arrivano ogni anno, al ritmo di circa cinquanta, mentre quello gestito dall’Istituto offrirebbe un’estensione maggiore di 170 ettari.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

1) Insalata d'amare

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search