Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cronache dal Vinitaly
di Redazione

L’azienda ha presentato al Vinitaly il suo vino celebrativo dei 150 anni dell’Unità, “La Consegna”, in versione rigorosamente Magnum


Il cavaliere Giuseppe Benanti

Un vino celebrativo, sin dal nome e dall’etichetta d’autore, è il prodotto che l’azienda Benanti dedica ai 150 anni dell’Unità d’Italia e che ha presentato all’ultima edizione del Vinitaly.


“Si tratta di un vino rosso Igt – racconta il cavaliere Giuseppe Benanti – pensato già nel 2005 per potere essere presentato quest’anno e frutto di una scelta accurata di uve rosse vinificate in purezza. La vinificazione con lieviti autoctoni avviene in grandi tini di rovere, cui segue un affinamento di 18 mesi in barriques di rovere francese da 225 litri”.
Ne risulta un blend unico ed intrigante per aroma, struttura e finezza proposto in appena 2000 bottiglie in formato magnum. A rendere ancora più pregiato questo vino, l’etichetta d’autore del maestro Giuseppe Giuffrida pensata per l’occasione: il dipinto riprodotto in etichetta raffigura, infatti, l’incontro di Teano tra Giuseppe Garibaldi e Re Vittorio Emanuele II, durante il quale avvenne appunto la consegna dell’Italia del Sud al primo Re d’Italia. “La vendita di questo vino – continua Benanti – contribuirà inoltre alla realizzazione di un progetto di una fondazione umanitaria per i bambini del Madagascar”.
Per quanto riguarda il territorio di appartenenza Benanti dice: “Produrre vino sull’Etna oggi vuol dire avere una grande responsabilità, e per farlo bene bisogna partire dalla consapevolezza di un territorio riconoscibile ma diversificato, dove non è possibile paragonare una vigna ad un’altra, per altitudine, esposizione ed influenze climatiche”.

Daniela Corso


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search