Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cronache dal Vinitaly il 07 Aprile 2011
di Redazione

Il ministro Saverio Romano ha inaugurato la 45esima edizione del Vinitaly: “Pronto alla battaglia contro la contraffazione, voglio difendere la qualità dei nostri prodotti. Il vino italiano? Ambasciatore nel mondo, simbolo di ‘agricultura’ più che di agricoltura”

“Dico no agli Ogm perché voglio difendere la qualità, il consumatore e il produttore”. Saverio Romano, neo ministro dell’Agricoltura, lo ha detto davanti ad un’ampia platea inaugurando la 45esima edizione del Vinitaly.

Ed è un siciliano che dopo un paio di decenni torna ad aprire le danze della più importante fiera del vino italiana. Romano è arrivato in passerella sul tappeto rosso ed è stato subito preso d’assalto da fotografi e giornalisti. Un arrivo poco silenzioso a giudicare dalla folla che lo ha circondato per immortalare il momento. “Oggi il vino è un prodotto importante per l’economia italiana – ha commentato pochi minuti prima del suo discorso in sala – perché i produttori hanno saputo fare qualità. Oggi il problema principale che dobbiamo affrontare è il calo dei consumi, un 3 per cento che dobbiamo recuperare, avvicinando i giovani a questo mondo, ma ad un bere che sia consapevole. La strada sono la comunicazione e l’educazione al consumo”.
Il vino sarà dunque uno dei campi principali su cui Romano giocherà la sua partita. “Parteciperò a tutti i consigli dei ministri dell’Unione europea e avrò un dialogo costante con tutti i protagonisti – ha commentato –. Il settore è un capitale italiano, esempio dell’unità del nostro Paese seppur nella sua diversità, è parte integrante della dieta mediterranea, è un ambasciatore in più dell’Italia nel mondo. Ecco perché oggi preferisco parlare di agricultura più che di agricoltura”.
La sua scommessa si gioca anche sugli Ogm. “Dico no perché voglio difendere la qualità, perché voglio combattere con tutte le mie forze la contraffazione. Dico no anche alla norma sulla liberalizzazione nell’impianto delle nuove vigne e punteremo alla sua eliminazione. La nostra scommessa parte dalla qualità e dal rispetto delle norme”.
Romano ha ricevuto in dono dal presidente di Veronafiere Ettore Riello un bianco e un rosso simbolo dell’unità d’Italia.

Gaetano Luca La Mantia
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search