Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cronache dal Vinitaly il 27 Aprile 2011
di Redazione

L’azienda Gallicchio coltiva i suoi vigneti ai piedi del Pollino, in un contesto geografico ancora non facile. Interessante la produzione da magliocco, guarnaccia e moscatello presentata a Verona


Domenico Gallicchio

Nell’alto cosentino in Calabria a 650 metri sul livello del mare le Cantine Gallicchio producono interessanti vini da vitigni autoctoni, presentati alla 45° edizione del Vinitaly.

“Nei 55 ettari della nostra tenuta – racconta Domenico Gallicchio, produttore dell’omonima azienda – insieme ad uliveti, seminativi e frutteti, abbiamo da sempre coltivato la vite, in 17 ettari, ma solo da pochi anni abbiamo deciso di imbottigliare il nostro vino per farne apprezzare la qualità ai consumatori”.
Da segnalare il “Rosato Maglianè” dai vitigni internazionali merlot e cabernet sauvignon, che si esprimono in una caratterizzazione originale sulle colline dai terreni argillosi e dalle condizioni climatiche ed escursioni termiche favorevoli di questa zona calabrese.
Inoltre, il “Passito Moscato” Moscato di Saracena, da uve moscato, per almeno il 70%, malvasia e guarnaccia la restante parte, vendemmiate in due tempi diversi, prima decade di settembre la prima e a distanza di quasi un mese le seconde. “Il nostro contesto territoriale – continua Gallicchio – non è facile, a causa di una connaturale marginalità geografica, che si esprime nella peculiarità della distanza significativa tra piccoli centri e grandi città, ma vale la pena operare in questa regione per la ricchezza e le risorse da tutelare nel territorio”.
L’azienda produce inoltre un ottimo olio da selezionate varietà di olive autoctone. Attualmente la Gallicchio produce 150.000 bottiglie di vino per 5 etichette e ha registrato nell’ultimo biennio un fatturato in continua crescita.

Daniela Corso 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

3) Baccalà alla lucana

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search