Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cronache dal Vinitaly
di Redazione

Attilio Scienza presenta una ricerca sulla viticoltura del vulcano. “Le sue caratteristiche straordinarie e le sue varietà possono contrastare la tendenza all’omologazione anche nel mondo del vino”

Le varietà dell’Etna e gli effetti diversi che ogni versante produce su uno stesso vitigno. Il vulcano ai raggi X, o meglio al centro di una ricerca dell’università di Milano.

Lo studio è stato condotto dall’equipe del professore Attilio Scienza, ordinario di Viticoltura dell’università e uno dei massimi esperti del settore al mondo. A firmare la ricerca sono Valeria Carastro, Osvaldo Failla e Jacopo Cricco. Il progetto prende il nome di zonazione, una cartografia del territorio etneo suddiviso in zone.
“L’Etna può contrastare un fenomeno sempre più diffuso nel mondo del vino – spiega Attilio Scienza –. La globalizzazione sta prendendo il sopravvento, una omologazione che sta portando alla perdita di identità dei territorio. Un po’ tutti adesso producono vino, un po’ come la soia o purtroppo l’olio. In sostanza si sta perdendo il rapporto tra il territorio e il bene proprio per effetto di questo fenomeno di delocalizzazione. L’Etna ha le caratteristiche per contrastare tutto ciò”.
Il segreto sta proprio nella varietà dell’Etna. “Paragono la viticoltura del vulcano al principio della relatività di Einstein. Quel che conta è il rapporto tra tempo e spazio, tra una storia lunga 2.500 anni e un territorio che si estende in altezza per mille metri. È una caratteristica straordinaria in un’isola che è già un continente del vino. In quale altro territorio al mondo la vendemmia si fa in 3 mesi?”.
Secondo Scienza, dunque, l’Etna propone un modello diverso in un modo sempre più omologato. “Si sta investendo nella ricerca, ma adesso bisogna puntare di più sulla formazione dei giovani e sulla comunicazione. E infine garantire un reddito adeguato ai ragazzi che decidono di puntare su questo settore”.

Gaetano Luca La Mantia


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search