Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cronache dal Vinitaly il 20 Marzo 2015
di C.d.G.

Ultima puntata dei vini imperdibili al Vinitaly. Dopo i consigli di Giancarlo Gariglio (Slow Wine) e di Gianni Fabrizio (Gambero Rosso), è la volta di Daniele Cernilli, Doctor Wine in persona e nostro amico. 

Cernilli voleva elencarne cento… È riuscito a selezionare 12 etichette che, ne siamo certi, sono davvero imperdibili.
 
Eccoli
In partenza per il Vinitaly viene naturale pensare a quali vini assaggiati di recente varrebbe la pena di risentire, per vedere come si stanno evolvendo e se, come in cuor nostro speriamo, saranno veramente dei vini straordinari. Su alcuni mi ci giocherei la faccia, come accade sulla Guida Essenziale di Doctor Wine. Vediamo quali.
Grande annata il 2010 a Montalcino. Allora vi propongo due vini fra quelli che si possono trovare al Vinitaly (non c’è Cerbaiona, ad esempio, che è strepitoso). Ottimo il Brunello di Montalcino Fornace 2010 de Le Ragnaie, un vero fuoriclasse. Ottimo, e di stile diverso, più moderno, il Tenuta Nuova 2010 di Casanova di Neri. Due Brunello molto diversi, ma entrambi straordinari. Sempre a Montalcino non perdetevi il Rosso di Montalcino del 2012 di Poggio di Sotto e il Vigneti Franceschi del Poggione.
Un salto in Friuli, ed ecco il Rosazzo Bianco Terre Alte 2013 di Livio Felluga, che è un grande classico imperdibile. Come imperdibili saranno il Friulano Toc Bas 2014 di Ronco del Gelso e il Sauvignon Zuc di Volpe 2014 di Volpe Pasini. E siamo a sette.
In Trentino ho assaggiato un rosso che mi ha fatto rimanere a bocca aperta. È il Teroldego Rotaliano Maso Cervara 2011 della Cavit, mai stato così buono. Provatelo e fatemi sapere.
A Bolgheri, sarà forse scontato, ma la versione di Ornellaia e di Sassicaia 2012 promettono grandi cose.
Andiamo a sud. Primitivo di Manduria Es 2013 di Gianfranco e Simona Fino. Finiamo in Piemonte. Damilano, Barolo Cerequio 2010, se ce n’è ancora. Una vera sorpresa.
Sono solo dodici, maledizione. Me ne vengono in mente altri cento, ma è tardi.

Daniele Cernilli


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search