Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in I giorni del cavolo il 11 Gennaio2012

Fanno puzza, i bambini li odiano, ma fanno bene. Sono i cavoli.

Il suo nome “figo” è «Brassica oleacerea». In Sicilia il nome è spesso confuso. Il cavolfiore lo chiamiamo broccolo, mentre in realtà il cavolo broccolo è quello che a Palermo viene chiamato “sparacello”. Chiamatelo come volete, ma il cavolo a tavola dovrebbe essere una buona abitudine, come conferma anche Fabio D’Anna, docente di colture protette presso la facoltà di Agraria dell’università di Palermo. "Per le sue proprietà benefiche è stato dimostrato che il cavolo ha un’azione anti-tumorale. Studi americani hanno confermato la diminuzione di tumori allo stomaco ed al colon nei soggetti che mangiano abitualmente i cavoli, perché liberano un sacco di quantità di prodotti solforati". Non è la sola ragione per mangiare i cavoli. Hanno buone quantità di potassio, fosforo e vitamina B. "I cavoli puzzano in cottura perché spesso commettiamo l’errore di cucinarli parecchi giorni dopo averli acquistati – dice il professor D’Anna –. Meglio farlo entro 48 ore". Per cucinarlo, poi, sarebbe buona regola farlo con poca acqua, meglio se al vapore, "e soprattutto evitiamo di cucinarlo troppo – disuggerisce il docente –. Se cotto troppo il cavolo perde parte delle sue proprietà benefiche". In Sicilia si producono cavoli un po’ dappertutto. Ce ne sono molte varietà e si distinguono in base ai colori: giallo, verde e viola. Quella palermitano è quello verde. A Catania prevalenza viola, mentre quello bianco è generalmente importato. "Quello viola è quello che ha maggiori proprietà benefiche", dice D’Anna. In Sicilia si coltivano circa 3.200 ettari di cavoli, 2.000 di questi sono coltivati a cavolfiore. Ci sono praticamente tutto l’anno, ma "è meglio comprarlo ed acquistarlo tra novembre e marzo", specifica D’Anna.

Una curiosità: i cavoli fanno bene all’umore. Le persone nervose, magari stressate da una super giornata di lavoro, se mangiano cavolo, si tranquillizzano. Un motivo in più per non farne a meno.

Giorgio Vaiana

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search