Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa bevo il 04 Dicembre2020

di Clarissa Iraci

Ci troviamo in provincia di Treviso. Adami Bosco di Gica Brut Valdobbiadene Docg Prosecco Superiore nasce in un paesaggio collinare, singolare per la ripidità di alcuni versanti.

Il clima è temperato, con inverni non troppo rigidi ed estati calde, ma non siccitose. La glera viene coltivata su versanti prevalentemente esposti a Sud. Le notevoli escursioni termiche e le modeste precipitazioni sono dunque condizioni gentili per la produzione del vitigno. La famiglia Adami, novant’anni di esperienza in vigna, conosce bene il territorio: il prosecco in questione prende il nome da un antico bosco a Corbeltaldo - sezione di Vidor - in cui risiedevano i primi vigneti della famiglia. Questo prosecco rivela una notevole coerenza dei caratteri organolettici olfattivo-degustativi. Giallo paglierino carico, perlage che per finezza e costanza forma una spuma largamente presente e cremosa. Frutta estiva e fiori compongono il bouquet olfattivo, dritto: ad una prima valutazione si può già raccontare di un profilo aromatico ampio che invita al secondo sorso. In bocca il vino è fresco e deciso: sapido con una gradevole punta acidula e un accenno di nota iodata conferita dalla percentuale argillosa del terreno su cui giacciono le viti. La temperatura di servizio ideale è tra i 7 e gli 8 gradi. Indicato per pasteggiare, Bosco di Gica si sposa con antipasti, primi e secondi a base di pesce e crostacei. Il sorso fresco e armonico potrebbe reggere anche primi di terra – i produttori consigliano di degustarlo con spaghetti cacio e pepe - e un ventaglio quasi infinito di entrée, ma anche verdure grigliate, formaggi non troppo stagionati. Prezzo 11 euro.

Selezionato da Federico Latteri

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search