Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa bevo il 19 Gennaio2012


Alberata aversana

di Fabio Cimmino

Paolo Monelli nel suo bel libro "Il vero bevitore" scrive : "L'Asprino, era ancora piena estate, me lo andavo a bere come aperitivo: fresco di grotta, acidulo, pallidissimo, fra il color paglia e il verdolino".

Monelli cita il Redi a cui non piaceva: "quel d'Aversa acido asprino/ che non s'è agresto o vino". Papa Paolo III Farnese lo beveva "per vincere i calori dell'estate e anche per purgare gli umori del corpo". Insomma non mancava in nessuna cantina, bettola o tavola illustre quando, d'estate, occorreva dissetarsi con qualcosa di diverso dall'acqua. Veronelli lo paragona ai vinhos verdi portoghesi. Soldati lo assaggia per la prima volta e ne rimane strabiliato: "non c'è bianco al mondo così assolutamente secco come l'Asprino: nessuno.

L'Asprino profuma appena, e quasi di limone: ma, in compenso, è di una secchezza totale, sostanziale, che non si può immaginare se non lo si gusta. Ma che vino! Che grande "piccolo vino"! Terra di cipria rossa, una sabbia rossastra e finissima, coltivata con vitigni nella tipica alberata aversana consociati ai pioppi fino ai 15 metri d'altezza ! Un vino fresco, leggero, dissetante che oggi ritroviamo, probabilmente, nelle sue migliori espressioni quando spumantizzato.

La famiglia Martusciello ne produce anche un numero limitato di bottiglie metodo classico che rimane non meno di 48 mesi sui lieviti. Giallo paglierino intenso e luminoso, dai riflessi verdolini. Spuma di ottima consistenza e perlage fine e persistente. Naso di fiori ed erbe aromatiche, di lieviti e frutta gialla. Al palato entra fresco, si distende cremoso chiudendo asciutto e pulito. Una bollicina d'autore splendida come aperitivo ma anche, grazie alla sua importante struttura, valida per accompagnare tutto un pasto. Ideale per augurare a tutti i lettori di Cronache di Gusto un sereno 2012. Cin, cin!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search