Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa bevo il 06 Agosto 2009
di Redazione

COSA BEVO

Bollicine di Pinot Nero

Chiacchierando qualche settimana fa con un importante enologo e manager del settore sulle zone vinicole della Lombardia, si concordava sull’importanza dell’Oltrepò Pavese e sulle sue ancora inespresse potenzialità, considerato che è il secondo produttore al mondo (dopo la Borgogna) di Pinot Nero, lì allocato ai primi del ‘900 e utilizzato sia per spumanti che per vini fermi, e che vi si coltiva un’ampia varietà di vitigni internazionali e autoctoni i cui risultati, effettuando una rigorosa selezione dei cloni e una scelta dei terreni e dei microclimi più adatti, sono in gran parte ancora da verificare.

Incastonata in un magnifico paesaggio collinare, lontano dai rumori della “civiltà”, l’Azienda Agricola Anteo di Piero e Antonella Cribellati è una delle perle dell’Oltrepò Pavese e il Nature Ecrù, spumante metodo classico da Pinot Nero con una minore percentuale di Chardonnay, è certamente un prodotto degno di rappresentarla.

Dal colore giallo paglierino scarico sovrastato da una spuma cremosa e pervaso da un perlage molto fine e regolare, regala al naso delicati profumi di pesca, agrumi, erbe aromatiche e piccoli frutti di bosco, con sentori di lieviti e crosta di pane e piacevoli note floreali; al palato impressiona la notevole struttura, che fa da solida impalcatura alle venature acide e alla gradevole sapidità in lungo e persistente equilibrio.

Strepitoso in abbinamento con i salumi, meglio se della tradizione lombarda come i ciccioli d’oca o la luganega, si adatta a molti piatti di carne e di pesce quali l’anguilla e i crostacei ala brace e la classica costoletta alla milanese. Costa circa 20 euro.

Gaspare Mazzara
 

COSA BEVO

Bollicine di Pinot Nero

Chiacchierando qualche settimana fa con un importante enologo e manager del settore sulle zone vinicole della Lombardia, si concordava sull’importanza dell’Oltrepò Pavese e sulle sue ancora inespresse potenzialità, considerato che è il secondo produttore al mondo (dopo la Borgogna) di Pinot Nero, lì allocato ai primi del ‘900 e utilizzato sia per spumanti che per vini fermi, e che vi si coltiva un’ampia varietà di vitigni internazionali e autoctoni i cui risultati, effettuando una rigorosa selezione dei cloni e una scelta dei terreni e dei microclimi più adatti, sono in gran parte ancora da verificare.

Incastonata in un magnifico paesaggio collinare, lontano dai rumori della “civiltà”, l’Azienda Agricola Anteo di Piero e Antonella Cribellati è una delle perle dell’Oltrepò Pavese e il Nature Ecrù, spumante metodo classico da Pinot Nero con una minore percentuale di Chardonnay, è certamente un prodotto degno di rappresentarla.

Dal colore giallo paglierino scarico sovrastato da una spuma cremosa e pervaso da un perlage molto fine e regolare, regala al naso delicati profumi di pesca, agrumi, erbe aromatiche e piccoli frutti di bosco, con sentori di lieviti e crosta di pane e piacevoli note floreali; al palato impressiona la notevole struttura, che fa da solida impalcatura alle venature acide e alla gradevole sapidità in lungo e persistente equilibrio.

Strepitoso in abbinamento con i salumi, meglio se della tradizione lombarda come i ciccioli d’oca o la luganega, si adatta a molti piatti di carne e di pesce quali l’anguilla e i crostacei ala brace e la classica costoletta alla milanese. Costa circa 20 euro.

Gaspare Mazzara
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search