Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

COSA BEVO

Il vino mite di Giuseppe Russo

Giuseppe Russo è un insegnante di italiano appassionato di lirica. Un personaggio mite con accenni di timidezza che si fa apprezzare per la sua convivialità dai toni sobri, mai esagerati. Se è vero che il vino, quello di qualità, è lo specchio di chi lo produce, ci siamo spiegati perché il rosso Etna Doc “’a Rina, annata 2006” ci è piaciuto molto. E’ un Nerello Mascalese in purezza che Giuseppe Russo produce nelle sue vigne di Castiglione di Sicilia. Russo è un po’ un neofita del vino perché sebbene avesse le vigne di famiglia da molto tempo (l’azienda porta infatti il nome del padre, Girolamo) è da pochissimo che ha deciso di produrre  e imbottigliare. Per ora sono tre etichette e “ ’a Rina” rappresenta un po’ il vino-base della piccolissima cantina. Non ci siamo documentati su altitudine, vendemmia, processi di vinificazione o altro, tutti quei dati che corredano le cosiddette schede tecniche. Sappiamo solo che questo vino fa qualche passaggio in barrique non nuove perché Giuseppe Russo è convinto che altrimenti saprebbe troppo di legno. Lo avevamo assaggiato qualche tempo fa . L’altra sera lo abbiamo bevuto ancora e si è evoluto molto molto bene. Bei profumi di frutta a bacca rossa e poi soprattutto una bella morbidezza. Velluto sul palato, buona persistenza e note di eleganza non trascurabili. Una bottiglia, eravamo in tre e nessuno di noi doveva guidare, è finita in poco tempo. E’ un segno importante. La piacevolezza ci ha spinto a berlo. Se possiamo dare un consiglio a questo vigneron etneo e melomane è quello di continuare su questa strada. “’a Rina” costa in enoteca sui 15 euro.
 

F. C.

COSA BEVO

Il vino mite di Giuseppe Russo

Giuseppe Russo è un insegnante di italiano appassionato di lirica. Un personaggio mite con accenni di timidezza che si fa apprezzare per la sua convivialità dai toni sobri, mai esagerati. Se è vero che il vino, quello di qualità, è lo specchio di chi lo produce, ci siamo spiegati perché il rosso Etna Doc “’a Rina, annata 2006” ci è piaciuto molto. E’ un Nerello Mascalese in purezza che Giuseppe Russo produce nelle sue vigne di Castiglione di Sicilia. Russo è un po’ un neofita del vino perché sebbene avesse le vigne di famiglia da molto tempo (l’azienda porta infatti il nome del padre, Girolamo) è da pochissimo che ha deciso di produrre  e imbottigliare. Per ora sono tre etichette e “ ’a Rina” rappresenta un po’ il vino-base della piccolissima cantina. Non ci siamo documentati su altitudine, vendemmia, processi di vinificazione o altro, tutti quei dati che corredano le cosiddette schede tecniche. Sappiamo solo che questo vino fa qualche passaggio in barrique non nuove perché Giuseppe Russo è convinto che altrimenti saprebbe troppo di legno. Lo avevamo assaggiato qualche tempo fa . L’altra sera lo abbiamo bevuto ancora e si è evoluto molto molto bene. Bei profumi di frutta a bacca rossa e poi soprattutto una bella morbidezza. Velluto sul palato, buona persistenza e note di eleganza non trascurabili. Una bottiglia, eravamo in tre e nessuno di noi doveva guidare, è finita in poco tempo. E’ un segno importante. La piacevolezza ci ha spinto a berlo. Se possiamo dare un consiglio a questo vigneron etneo e melomane è quello di continuare su questa strada. “’a Rina” costa in enoteca sui 15 euro.
 

F. C.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search