Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa bevo il 10 Aprile2020
alessandro ebbanietti

di Andrea Camaschella

La permanenza a casa, forzata, continua. Cibo e acqua non mancano, ma il supermercato vicino a casa, a essere gentili, non invoglia all’acquisto di una birra. Eppure una birra, artigianale e italiana, me la voglio godere, un piccolo lusso, un momento di piacere intimo.

In realtà mi manca il pub: io di solito bevo poco a casa e per lo più per lavoro. Adoro sedermi al bancone del pub, chiacchierare con il publican, il gestore, l’anima del locale, e confrontarmi con lui - sono un cliente un po’ faticoso, lo so - e lasciarmi consigliare. In realtà mi mancano proprio le chiacchiere da pub, in quell’atmosfera unica, come unico è ogni pub, dove si parla del più e del meno, di cose futili come dei massimi sistemi, mentre la birra resta in secondo piano. Ti distrae di tanto in tanto, al primo o secondo sorso, con sapori piacevoli, profumi intriganti e poi torna al suo posto. La birra è la bevanda sociale per eccellenza. Oggi la beviamo in famiglia o in improbabili quanto irrinunciabili aperitivi “online”, davanti alle telecamere di telefoni o computer. Non è la stessa cosa ma è quello che,al momento possiamo fare oltre a lavorare con l’immaginazione e pensare alle prospettive future. Quindi ho deciso di approfittare comunque dei publican e chiedere a loro che birre posso farmi mandare a casa. Il resto lo faranno la logistica, per la consegna, e l’immaginazione al momento di bere, ritrovandosi magicamente al loro bancone sin dal primo sorso. Quello che continuerà a mancarmi è qualcuno che mi serva la birra come deve essere servita: mi applico ma i risultati non sono gli stessi…

La mia prima vittima è Alessandro Ebbanietti, del Civico Maltato di Siracusa, che ho scoperto grazie a Gabriele Siracusa del birrificio Alveria. Il Civico è il pub di riferimento per chi è appassionato di birre artigianale ed è di Siracusa o dintorni, o ci si trova a passare. Locale intimo, di grande atmosfera, accogliente come solo la Sicilia sa esserlo, con una bella scelta di birre, siciliane e nazionali soprattutto, ma anche qualche chicca dal resto del mondo. L’attenzione non si ferma alla selezione delle birre, ma prosegue nella conservazione, nella manutenzione dell’impianto e ovviamente nel servizio. Anche sulla parte di cucina la qualità regna sovrana e si pone attenzione anche agli abbinamenti. E’ la regola italiana, che si distacca dal resto del mondo: se le birre sono scelte, conservate e servite con cura e attenzione, anche il cibo, qualsiasi sia la proposta, è di alto livello. Questione di gusto, di cultura personale, di terroir se vogliamo e Alessandro dimostra tutte queste qualità. Al suo bancone - davanti e talvolta dietro - sono passati tanti personaggi del gotha brassicolo, birrai e colleghi hanno animato le serate organizzate per diffondere cultura, per coinvolgere i clienti e per divertirsi. Come se non bastasse, il locale è a due passi dal mare e soprattutto in uno dei posti più belli del mondo, Ortigia, il cuore di Siracusa: il Civico è tappa obbligata per ritemprarsi tra tante bellezze.

Gli ho quindi chiesto - a bruciapelo, senza dargli quasi il tempo di pensare - le 5 birre siciliane che si berrebbe ora, con me, e che siano rintracciabili da tutti, via corriere con ordine dal birrificio. Mi elenca 5 birre che berrei davvero volentieri - buon publican non mente - e che conosco. Ecco il risultato:

Epica, Medusa
(Belgian Dubbel, 8,0% Vol. Alc.)
Si tratta di una Dubbel, birra che si rifà alle creazioni dei monasteri trappisti del Belgio, Westmalle su tutti. La Medusa centra in pieno i canoni stilistici: alcol ben nascosto dietro alla secchezza e pericolosa facilità nella bevuta. La mano di Carmelo, gentile e affinata, è evidente nel domare ed esaltare i malti caramellati e tostati e il lievito con le sue note fruttate e speziate.

Malarazza, Hoppercut
(American Ipa, 6,2% Vol. Alc.)
Andrea Camuso, il deus ex machina del birrificio Malarazza, dopo anni di vita a Roma, è tornato nelle sue terre dove produce senza remore birre di gran carattere, seguendo il suo gusto personale, la sua creatività e idee internazionali. Nella Hoppercut IPA i luppoli da aroma e da amaro sono i protagonisti assoluti.

Rock Brewery, The Rock
(American Ipa, 6,5% Vol. Alc.)
Ancora luppoli protagonisti in questa birra rock’n’roll, giovane e sbarazzina, come il birrificio, che si sta facendo conoscere - anche fuori dalla Sicilia - per mano del suo birraio e fondatore, Alessio Cafarella.

Yblon, Timpa
(Belgian Saison, 6,5% Vol. Alc.)
Se la Sicilia sta diventando “terra di Saison”, il meraviglioso stile belga, è grazie alla Timpa di Marco Gianino, perfetta esecuzione, con la giusta personalità, di questo stile storico qui in una versione moderna, contemporanea e personale pur mantenendo le caratteristiche salienti: la freschezza e la facilità nella bevuta.

Tarì, Bonajuto
(Stout con Fave di Cacao, 6,5% Vol. Alc.)
In quel di Modica le birre si fanno largo grazie alla tecnica e alla passione di Fabio e Luca, che sanno coinvolgere anche altre aziende locali, in collaborazioni ardite quanto efficaci. In questo caso hanno coinvolto la storica azienda Bonajuto (cioccolato di Modica) e usato fave ci cacao, partendo da uno stile anglosassone, per un risultato eccellente. 

E per andare, appena possibile, a berle nel “tempio” di Alessandro, Civico Maltato si trova a Siracusa, in via G. Battista Perasso, 9. Il numero di telefono è 0931 1965990, la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search