Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa bevo il 22 Febbraio2012

di Giovanni Paternò 

Alzino la mano coloro che sanno cosa sia Nocera. Fino a qualche tempo fa noi conoscevamo quella Superiore, l'Inferiore e l'Umbra, cioè delle più o meno ridenti cittadine.

Successivamente abbiamo scoperto che è anche un vitigno. Tra l'altro è un vitigno particolare, autoctono di Sicilia, coltivato in provincia di Messina. Un tempo, molto antico, era abbastanza diffuso, poi pian piano, come purtroppo spesso succede ai vitigni autoctoni coltivati in ristrette zone e poco conosciuti dai consumatori, è stato soppiantato da varietà più di moda o che si prestavano ad un maggior successo commerciale.

Da poco tempo il ritorno all'utilizzo dei vitigni autoctoni, il desiderio dei produttori di conquistare le nicchie di mercato han fatto si che anche il Nocera risuscitasse. Giustamente comincia a ridiffondersi nel suo areale di origine, quella zona del messinese compresa tra il mare e i monti Nebrodi e Peloritani. E' una zona, conosciuta fin dall'epoca romana, che produce vini dalla forte gradazione alcolica, in passato utilizzati principalmente per tagliare vini nordici deboli e cagionevoli. Siamo nelle DOC Mamertino e Faro, i cui disciplinari comprendono proprio il Nocera. Alcuni produttori più intraprendenti hanno vinificato e imbottigliato i Nocera in purezza perché si sono convinti che rappresenta un vitigno che potrà dare grandi soddisfazioni.


Grappolo di nocera

Tra questi l'azienda Cambria, una casa vinicola di Furnari, di antica tradizione, nata addirittura nel 1864 e che dal 1976 imbottiglia direttamente. Oggi produce 100.000 bottiglie ricavate esclusivamente dai loro vigneti, ma ora ne parliamo per questa chicca: il Nocera. Sette anni fa hanno impiantato 3 ettari a 110 m in contrada Mastronicola ricavando gli innesti dalle piante che c'erano in azienda, dopo averle fatte certificare dall'Istituto Regionale Vino e Vite. Chiacchieriamo con Nancy Astone, una dei tre titolari assieme ai fratelli Franco e Nino Cambria.


Nancy Astone tra Franco e Nino Cambria

L'azienda considera il Nocera l'eccellenza del loro futuro, il loro gran cru, la loro magnificenza e dall'annata 2009 lo vinificano ed imbottigliano in purezza con il nome della contrada. La vigna, allevata a Guyot, subisce una potatura verde che abbatte circa il 40% delle uve per arrivare ad una resa di circa 50 q/ha. Sotto la guida dell'enologo Vito Giovenco, dopo raccolta manuale a metà settembre le uve macerano a 12° C per 24 ore per continuare fino al raggiungimento di 28° C per un tempo variabile secondo l'annata. L'affinamento in botti di rovere francese di varie capacità avviene per 14 mesi a cui seguono sei in bottiglia. Per il 2009 sono 1.500 bottiglie numerate che diventano 3.000 nel 2010. La produzione aumenterà fino alle 30.000 a regime.


Il vigneto di Mastronicola

Abbiamo degustato la bottiglia n.697 del 2009. Etichetta piccola e austera, retro che esalta le qualità del contenuto. Il colore è rubino intenso quasi granato, molto brillante. Al primo naso si avverte una massa di ciliegia e continuando la roteazione escono la complessità, la piacevolezza che invitano a scoprirne i successivi sentori: note balsamiche, pepe nero, cuoio quasi gentile, ritornano le ciliege e i frutti rossi. Al palato colpisce l'acidità che inizialmente non fa avvertire il grado alcolico, seguita immediatamente dai tannini in bella dose anche se già ammansiti. Impressionante il retrogusto che torna equilibrato, morbido, fragrante con la viva presenza dei frutti rossi. Qui finalmente escono tutti i 14,5° alcolici che avvolgono la bocca in un piacevole e coinvolgente calore. Lo aspettiamo nel tempo, e nell'attesa si abbina al meglio con carni grasse e piatti dal gusto forte. Noi l'abbiamo apprezzato con un filetto ai ferri.

Anche il prezzo di 35 euro allo scaffale è una chicca.


Cambria Vini
C/da San Filippo, FURNARI (ME)
Tel.: +39 094 1840214
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.cambriavini.com

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search