Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa bevo il 05 Dicembre2013

La scintilla per le bollicine scoccò nel 2008, quando Marco Calcaterra, nipote del notaio Giovanni Demostene, proprietario di Avide, si stava laureando in Scienze enologiche.

La sua tesi? “Produzione in Sicilia di spumante metodo classico da uve della cultivar Frappato”. Da allora l’amore non è mai scemato, anzi si è alimentato. 

Ed oggi Avide, di cui Marco Calcaterra è ormai direttore e agronomo, presenta uno spumante metodo classico in due versioni, bianco e rosè. Si chiama Nutaru, chiaro riferimento a Demostene, ed è stato presentato nei giorni scorsi dalla cantina di Comiso con un evento all’antico convento dei cappuccini di Ragusa Ibla. Special guest della serata gli chef Dario Diliberto (Tocco Sicilian Ways  - Ragusa), Massimo Blanco  (Ristorante Cibus - Niscemi), Francesco Piparo (Le Terrazze – Mondello, Palermo) e Rita Russotto  (Ristorante Satra - Scicli) che hanno preparato dei finger food da abbinare agli spumanti.

Torniamo ai protagonisti della serata. Il Nutaru rosè nell’etichetta porta il nome di Francesco De Stefano che nel 1882 acquistò il primo vigneto su cui con mezzadria si portava a frutto il lavoro.  Il brut è invece dedicato al notaio Giovanni Demostene, motore della moderna cantina Avide.

Entrambi, ovviamente espressione di uve Frappato, si caratterizzano per vinificazioni in bianco con permanenza sulle bucce, macerazione di 36 ore per il rosè. Dopo il tiraggio è prevista una permanenza di 24 mesi sui lieviti.

“Il Frappato – spiega Calcaterra -  è stato scelto come matrice per la produzione del metodo classico, perché tra le uve siciliane, è quella che si presenta indubbiamente con un ottimo rapporto acidità, concentrazione zuccherina, struttura (proteine e colloidi protettori), senza escludere la semi-aromaticità dell'uva che anche se ‘attenuato’ dalla doppia fermentazione, trasmette comunque un certo quid al vino spumante”.

Andiamo alle note di degustazione. Partiamo dal Brut. Bel giallo paglierino con nuances dorate, perlage d’impatto. All’olfatto emergono chiari sentori di lievito e crosta di pane, sullo sfondo piacevoli sensazioni di albicocca e zagara. Riesce a stare in equilibrio tra acidità e freschezza, è sapido il giusto e con una buona persistenza.

Il rosè ha le tonalità della buccia di cipolla, ma è più brillante. Petillant direbbero i francesi. I profumi sono più marcati rispetto al brut e qui percepiamo al posto dell’albicocca odori di frutta a bacca rossa. Al palato riesce ad essere contemporaneamente fresco e secco. Il retrogusto lascia un piacevole ricordo. 

Fra. S.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search