Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa bevo il 28 Maggio 2015
di C.d.G.

di Francesca Landolina 

Ha fatto il bis, a distanza di due anni, conquistando la seconda medaglia d’argento al Concours Mondial du Sauvignon che si è svolto in Friuli Venezia Giulia, per la sesta edizione. 

È quel Sauvignon che guarda il mare africano, nella costa sud est di Menfi: il Doc Sicilia Mandrarossa Urra di Mare 2014. E la singolarità è tutta in un vino le cui uve sono considerate piuttosto nordiche e poco mediterranee. Eppure, calice alla mano e a giudicare dai verdetti dei concorsi internazionali, c'è l'eccezione. 
Urra di Mare è un bianco che nasce a ridosso della riserva naturale del fiume Belìce, in provincia di Agrigento. I vigneti, esposti a sud ovest, in un terreno di medio impasto e argilloso, sono un tappeto verde che brilla al sole, a quota 100 metri dal livello del mare, fino a toccare quasi la sabbia dorata. Urra di Mare è la contrada in cui sorge e che dà il nome al vino stesso. Chiamato Urra perché così si dice da quelle parti in dialetto. Le uve di Sauvignon ben si adattano a quel luogo con il mare africano davanti. Ed è proprio la brezza marina, insieme alle escursioni termiche tra il giorno e la notte, a conferirgli quelle caratteristiche che poi piacciono al winelover esigente.

“Urra di mare – afferma Roberta Urso, responsabile delle pubbliche relazioni della cantina sociale Settesoli – fa parte della linea Territoriali Mandrarossa. Se ne producono 120 mila bottiglie. Un bianco sapido, fresco, con intensi aromi di agrumi, frutti come pesca, pompelmo, albicocca, ma ricco di note erbacee, menta e basilico. Armonico al palato, di bella mineralità e persistenza”. Un vino che di certo sa sedurre e ha sedotto il comitato di pilotaggio composto da sette professionisti del vino, in occasione del concorso, con l’obiettivo di costituire un fondo documentario consultabile da professionisti e consumatori desiderosi di saperne di più sul Sauvignon, vitigno che non ha ancora rivelato tutte le sue qualità e specificità, nonostante sia ormai presente nel mondo intero.
Quale il segreto di Urra di Mare? Perché quel Sauvignon conquista con il suo fascino? Merito forse del particolare habitat naturale in cui nasce, nella costa a sud est di Menfi, ma anche della passione del team composto dagli enologi Domenico De Gregorio e Milena Rizzo e dall’agronomo Filippo Buttafuoco. Costa 12 euro.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search