Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

    COSA LEGGO

Cibi, non fidatevi di nessuno

copertinalibro.jpgGigi Vianello ha persino un nome simpatico. Ma è un gran pezzo di merda. Ha un ristorante di altissima qualità, Chez Momò,  a Cagliari, ma è solo una copertura. La sua vera attività, quella che gli rende un sacco di soldi, è il mercato dei cibi adulterati. In questo campo è un re, uno che gioca in serie A. Riesce a piazzare latte scaduto e carne macellata clandestinamente; per lui è un gioco da ragazzi  piazzare una partita di polli avvelenata o una nave container di grano contaminato da ocratossina che poi finisce nei molini e nei pastifici di mezza Italia. Persino con le uova ci sa fare. Quelle provenienti  “da una ditta di riciclaggio di rifiuti che, invece di smaltire uova ammuffite, rotte, invase da parassiti, le ripuliva alla buona della putrescina e della cadaverina e le trasformava in una poltiglia confezionata in comodi bidoncini da cinque chili, pronti per essere versati nelle impastatrici delle industrie dolciarie”. Soprattutto di quelle che producono merende per bambini. E poi prosciutti, salmone, vino…tutti rigorosamente di schifosa qualità ma che trattati adeguatamente – e con falsi certificati di controllo ed etichette - riempiono la pancia di milioni di persone che vanno a fare la spesa nei supermercati. Inchiodando periodicamente alla tazza del cesso mezza città. Un virus, dicono i medici. “Intossicazione alimentare”, sogghigna Vianello.
Non il profilo di un imputato sotto processo. Più semplicemente è il personaggio uscito dalla fantasia di Francesco Abate e Massimo Carlotto (Mi fido di te, Einaudi, pp. 175, 14 €) i quali hanno costruito un romanzo  che appare un po’ scontato nella trama, forse perché ricorda altri plot del bravissimo Carlotto che anche questa volta per il titolo di un suo libro sceglie quello di una canzone (Mi fido di te è di Jovanotti). Ma che getta una luce nuova e inquietante sul mondo della sofisticazione alimentare. Un territorio che, perdonate l’ignoranza, non ricordiamo essere stato esplorato in narrativa prima d’ora.
Vianello è un ribaldo trafficante con un passato da spacciatore di droga. Che pensa  sempre di farla franca ricominciando una nuova vita. Ma dietro di sé lascia molti casini e qualche morto.  Nel suo campo è uno comunque che la sa lunga: “Il cibo industrializzato punta a sostituire gli alimenti freschi, ricchi di sostanze nutrienti vitali come vitamine, minerali e acidi grassi. E sai perché? Per guadagnare montagne di quattrini”. E ancora: “Le grandi industrie spendono veni miliardi di dollari in additivi chimici per  cambiare colore, consistenza, sapore e durata ai loro prodotti”. Perché “la qualità del cibo generalmente è scadente altrimenti non si guadagna”.
E a Vianello “a forza di trafficare robaccia” gli era “venuta la paranoia del cibo” e così ecco  il suo ristorante raffinatissimo dove si servono solamente cibi di eccelsa qualità.  Insomma, vive, come lui dice, in un “mondo perfetto”. Un criminale ben vestito, auto di lusso, donne, e frequentazioni altolocate. Con poche regole. Eccone una: “Gli equilibri del mercato degli alimenti sofisticati sono difficili. Il gioco reggeva solo se la merdaccia rappresentava il venti per cento delle vendite. Il resto doveva essere merda, un minimo di qualità era necessaria per dare una copertura decente all’attività”. Ma Vianello si infila ripetutamente in storie pericolose dalle quali uscire, a volte, sembra veramente impossibile. Se accettate di leggere questo libro accetterete anche il rischio di infilarvi in bocca  una buonissima fetta di prosciutto comprata dal salumaio sotto casa e di sputarla subito dopo perché vi assaliranno molti dubbi sulla sua genuinità. 

Giancarlo Macaluso

    COSA LEGGO

Cibi, non fidatevi di nessuno

copertinalibro.jpgGigi Vianello ha persino un nome simpatico. Ma è un gran pezzo di merda. Ha un ristorante di altissima qualità, Chez Momò,  a Cagliari, ma è solo una copertura. La sua vera attività, quella che gli rende un sacco di soldi, è il mercato dei cibi adulterati. In questo campo è un re, uno che gioca in serie A. Riesce a piazzare latte scaduto e carne macellata clandestinamente; per lui è un gioco da ragazzi  piazzare una partita di polli avvelenata o una nave container di grano contaminato da ocratossina che poi finisce nei molini e nei pastifici di mezza Italia. Persino con le uova ci sa fare. Quelle provenienti  “da una ditta di riciclaggio di rifiuti che, invece di smaltire uova ammuffite, rotte, invase da parassiti, le ripuliva alla buona della putrescina e della cadaverina e le trasformava in una poltiglia confezionata in comodi bidoncini da cinque chili, pronti per essere versati nelle impastatrici delle industrie dolciarie”. Soprattutto di quelle che producono merende per bambini. E poi prosciutti, salmone, vino…tutti rigorosamente di schifosa qualità ma che trattati adeguatamente – e con falsi certificati di controllo ed etichette - riempiono la pancia di milioni di persone che vanno a fare la spesa nei supermercati. Inchiodando periodicamente alla tazza del cesso mezza città. Un virus, dicono i medici. “Intossicazione alimentare”, sogghigna Vianello.
Non il profilo di un imputato sotto processo. Più semplicemente è il personaggio uscito dalla fantasia di Francesco Abate e Massimo Carlotto (Mi fido di te, Einaudi, pp. 175, 14 €) i quali hanno costruito un romanzo  che appare un po’ scontato nella trama, forse perché ricorda altri plot del bravissimo Carlotto che anche questa volta per il titolo di un suo libro sceglie quello di una canzone (Mi fido di te è di Jovanotti). Ma che getta una luce nuova e inquietante sul mondo della sofisticazione alimentare. Un territorio che, perdonate l’ignoranza, non ricordiamo essere stato esplorato in narrativa prima d’ora.
Vianello è un ribaldo trafficante con un passato da spacciatore di droga. Che pensa  sempre di farla franca ricominciando una nuova vita. Ma dietro di sé lascia molti casini e qualche morto.  Nel suo campo è uno comunque che la sa lunga: “Il cibo industrializzato punta a sostituire gli alimenti freschi, ricchi di sostanze nutrienti vitali come vitamine, minerali e acidi grassi. E sai perché? Per guadagnare montagne di quattrini”. E ancora: “Le grandi industrie spendono veni miliardi di dollari in additivi chimici per  cambiare colore, consistenza, sapore e durata ai loro prodotti”. Perché “la qualità del cibo generalmente è scadente altrimenti non si guadagna”.
E a Vianello “a forza di trafficare robaccia” gli era “venuta la paranoia del cibo” e così ecco  il suo ristorante raffinatissimo dove si servono solamente cibi di eccelsa qualità.  Insomma, vive, come lui dice, in un “mondo perfetto”. Un criminale ben vestito, auto di lusso, donne, e frequentazioni altolocate. Con poche regole. Eccone una: “Gli equilibri del mercato degli alimenti sofisticati sono difficili. Il gioco reggeva solo se la merdaccia rappresentava il venti per cento delle vendite. Il resto doveva essere merda, un minimo di qualità era necessaria per dare una copertura decente all’attività”. Ma Vianello si infila ripetutamente in storie pericolose dalle quali uscire, a volte, sembra veramente impossibile. Se accettate di leggere questo libro accetterete anche il rischio di infilarvi in bocca  una buonissima fetta di prosciutto comprata dal salumaio sotto casa e di sputarla subito dopo perché vi assaliranno molti dubbi sulla sua genuinità. 

Giancarlo Macaluso

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search