Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

    COSA LEGGO

Due ispettori e l´estro degli chef

segreti_erotici_chef.jpgGià autore di romanzi cult come "Trainspotting" e "Colla", Irvine Welsh torna a far parlare di sé con I segreti erotici dei grandi chef, l´ennesima storia ambientata ad Edimburgo. Questa volta però sorge spontaneo partire dal titolo del libro per rintracciare qualche connessione col citato tema culinario, che fa da sfondo ad una storia in cui sono presenti tutti gli elementi tipici della cifra stilistica welshiana: stile crudo e diretto, ricco di un umorismo, a tratti volgare, forte componente surreale e profonde riflessioni esistenzialiste sul dramma umano che affligge i protagonisti dei suoi romanzi.
Proprio in quest´ultimo lavoro Welsh si stacca dal suo solito contesto sociale di riferimento ovvero la periferia di Edimburgo, fonte di ogni degrado umano e ambientale, per narrare la storia di due ispettori per l´igiene ambientale, Danny Skinner e Brian Kibby due individui diversi se non diametralmente opposti in quanto a carattere ed estrazione sociale (anche qui ricorre il tema letterario del doppio), che a causa del loro ingrato lavoro entreranno in contatto con gli chef dei ristoranti più in voga della capitale. L´Edimburgo di cui parla Welsh non ha alcuna pretesa realista ma si dichiara apertamente antirealista, fuori da qualsiasi schema preconcetto e da qualsivoglia classificazione; proprio per questo il luogo dove si svolgono le vicende dei protagonisti sembra più un topos letterario che un elemento con una sua secondaria valenza scenica. La storia si dipana ulteriormente in un intreccio inarrestabile e irresistibile approfondendo le singole dinamiche, interiori e non, che muovono i protagonisti, sviluppando una storia che si muove come se fosse scappata fuori dal controllo dello scrittore e che approderà ad un finale inaspettato e "dissonante".
La presenza della cucina e degli chef è parte integrante del romanzo di Welsh; lo stesso autore in un´intervista ha dichiarato quanto il mestiere dello chef sia "sporco ed affascinante" e quanto gli chef siano a loro modo degli artisti spesso e volentieri "bizzarri se non assolutamente pazzi". Proprio per questo uno dei protagonisti del romanzo si ritroverà costretto a cercare le sue "origini" all´interno di un settore così ampio e multiforme, capace di raggruppare in sé indifferentemente "il grande cuoco star della televisione come lo sfigatissimo sguattero di qualsiasi stamberga".


Francesco Emmola
    COSA LEGGO

Due ispettori e l´estro degli chef

segreti_erotici_chef.jpgGià autore di romanzi cult come "Trainspotting" e "Colla", Irvine Welsh torna a far parlare di sé con I segreti erotici dei grandi chef, l´ennesima storia ambientata ad Edimburgo. Questa volta però sorge spontaneo partire dal titolo del libro per rintracciare qualche connessione col citato tema culinario, che fa da sfondo ad una storia in cui sono presenti tutti gli elementi tipici della cifra stilistica welshiana: stile crudo e diretto, ricco di un umorismo, a tratti volgare, forte componente surreale e profonde riflessioni esistenzialiste sul dramma umano che affligge i protagonisti dei suoi romanzi.
Proprio in quest´ultimo lavoro Welsh si stacca dal suo solito contesto sociale di riferimento ovvero la periferia di Edimburgo, fonte di ogni degrado umano e ambientale, per narrare la storia di due ispettori per l´igiene ambientale, Danny Skinner e Brian Kibby due individui diversi se non diametralmente opposti in quanto a carattere ed estrazione sociale (anche qui ricorre il tema letterario del doppio), che a causa del loro ingrato lavoro entreranno in contatto con gli chef dei ristoranti più in voga della capitale. L´Edimburgo di cui parla Welsh non ha alcuna pretesa realista ma si dichiara apertamente antirealista, fuori da qualsiasi schema preconcetto e da qualsivoglia classificazione; proprio per questo il luogo dove si svolgono le vicende dei protagonisti sembra più un topos letterario che un elemento con una sua secondaria valenza scenica. La storia si dipana ulteriormente in un intreccio inarrestabile e irresistibile approfondendo le singole dinamiche, interiori e non, che muovono i protagonisti, sviluppando una storia che si muove come se fosse scappata fuori dal controllo dello scrittore e che approderà ad un finale inaspettato e "dissonante".
La presenza della cucina e degli chef è parte integrante del romanzo di Welsh; lo stesso autore in un´intervista ha dichiarato quanto il mestiere dello chef sia "sporco ed affascinante" e quanto gli chef siano a loro modo degli artisti spesso e volentieri "bizzarri se non assolutamente pazzi". Proprio per questo uno dei protagonisti del romanzo si ritroverà costretto a cercare le sue "origini" all´interno di un settore così ampio e multiforme, capace di raggruppare in sé indifferentemente "il grande cuoco star della televisione come lo sfigatissimo sguattero di qualsiasi stamberga".


Francesco Emmola

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

3) Tortelli di grano arso con germogli di finocchietto in brodo di gallina e camomilla

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search