Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa leggo il 15 Febbraio2012

"Gusto, Intelligenza del palato" è il saggio scritto da Rosalia Cavalieri, docente di filosofia del linguaggio all’Università di Messina, edito da Laterza.

Nasce con l’obiettivo di sfatare uno dei luoghi comuni che relega il gusto in una posizione secondaria nella gerarchia dei sensi. Troppo spesso associato alla carnalità, al piacere e alla sensualità sarebbe invece, come ribadisce l’autrice nel corso delle pagine, il senso cognitivo per eccellenza. Se non se ne parla mai nei tanti format sul cibo e mai viene raccontato dai guru della cucina, sul gusto ci rivela qualcosa l’autrice stessa.

“Troviamo dappertutto una letteratura ricchissima che ogni giorno propone libri sulla tavola, sulla cucina, ma sul gusto, come senso deputato al riconoscimento dei cibi e delle bevande, c’è ben poco. Non è un tema trattato e non vine approfondito dal punto di vista cognitivo, intellettuale e culturale. Fino ad ora si è fatta fatica a considerarlo un senso intelligente, finendo per essere snobbato e svalutato”.

Solo negli ultimi anni si starebbe scoprendo la sua rilevanza. “Dobbiamo la poca considerazione di questo senso al pensiero dei filosofi. Nel passato sono loro che in larga parte lo hanno denigrato. Pensiamo a Platone che negava il valore gnoseologico della culinaria e diceva che il filosofo doveva disprezzare i piaceri dati da questo senso. Per non parlare di Immanuel Kant che considerava il gusto non degno di una teoria critica. Non ha nemmeno occupato un posto di privilegio nella ricerca scientifica. Solo negli ultimi quarant’anni la Scienza l’ha riscoperto. Questo ha contribuito a non far diffondere un’educazione del gusto nelle scuole. A parte qualche progetto sporadico o portato avanti da associazioni come Slow Food,  sulla conoscenza del cibo non vi è un'adeguata formazione”.

Il gusto è un atto sapiente, secondo quanto ribadisce la Cavalieri, complesso, multisensoriale, linguistico. “E' il più linguistico dei sensi, insieme all’udito ma per ragioni diverse. Prerogativa degli umani è essere apunto linguistici. Quando mangiamo siamo portati a commentare, a parlare di quello che c’è sul piatto, di come è fatto, questo succede in tutti i contesti. Mangiamo in situazioni conviviali al contrario degli animali, per loro è un’esperienza intima, noi invece amiamo parlare del cibo e questo ci fa apprezzare meglio l’alimento e accedere fino in fondo all’esperienza gustativa. Ne abbiamo prova tangibile negli ultimi tempi, per esempio, con la diffusione della lingua del vino, che  a tutti gli effetti è una microlingua. Settoriale ma ritagliata all’interno della lingua quotidiana. Apparentemente può apparire esoterica immaginifica. Invece utilizza termini comuni, arricchiti di nuove accezioni e significati metaforici”.

Anche l’eccesso di cibo nei Paesi ricchi, paradossalmente, sarebbe una delle cause della diseducazione al gusto. “Un eccesso di scelta ci ha portati a prestare poca attenzione, aggiungiamo a questo lo stile di vita che conduciamo, la fretta. Le etichette non le guarda nessuno, molte volte la gente compra il salume  imbustato piuttosto che quello fresco ignorando che nei confezionati vi è una quantità doppia di additivi”.

Per contrastare le cattive abitudini nel mangiare basterebbe educare sin dallo stato di gravidanza, come ribadisce la docente: “Il gusto si  forma in epoca prenatale, segno della precocità di questo senso, talmente plastico da essere plasmato nel grembo materno. Il modo in cui si nutre la madre può condizionare, come tutti sappiamo, i gusti del nascituro. Si dovrebbe partire da lì per un recupero della coscienza del gusto”. 


M.L.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search