Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa leggo il 27 Marzo2022

 

Cosa è?
Alzi la mano chi, ehm, un po’ cresciuto, non conserva in un cassetto nella propria memoria e sulle papille il proprio, personale, singolare, esclusivo e perduto atlante di cibi perduti?

Tutti, per l’appunto. Ognuno di noi ha una sorta di ricettario delle pietanze mai più mangiate da tempo immemore. Ce le preparava la nonna, la zia, la mamma, una ex fidanzata, un amante, il cuoco di un borgo disperso e mai più ritrovato. Miscele di gusti che ci riportano al desiderio perduto, al gusto che accende la memoria. Del resto, a volere deragliare per un attimo, a quel dandy di Marcel Proust bastava mettere in bocca un biscotto, la madelaine, per essere trasportato all’epoca d’oro della sua fanciullezza a alla sua caterva di malinconie, tenerezze, ricordi e disperazione travasati nel sua epopea romanzata del tempo perduto.

Perché leggerlo
Ma basta divagare, perchè il cibo perduto è un libro scritto dallo storico Alberto Capatti che regala al lettore ottanta schede-racconto di "cucina dimenticata". Una specie di divertimento intellettuale che qua e là mostra meraviglie gastronomiche sbucate fuori dalla macchina del tempo. Si comincia con un ingrediente che ha un sorta di nome biblico, abalon, un’ostrica gigante cinese, e si arriva a zuccaro, un’antica spezia dolce, passando per il malinconico “pane perduto”, per l’orrorifico occhio, per l’allarmente “porco eccitato”. La seconda parte è dedicata alle nonne, attraverso i ricettari che le vedono protagoniste, prime custodi nell'immaginario popolare di una cucina senza di loro condannata all'oblio, capaci di riproporla all'attenzione di affezionati lettori, conservandone così la memoria.

Giancarlo Macaluso

Piccolo atlante dei cibi perduti
Alberto Capatti
Slow food editore
Pagine 185
euro 16,50

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search