Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cosa leggo il 20 Dicembre2016

I quaderni di Archestrato Calcentero rivela come si sono evolute alcune delle ricette tipiche dell'Isola. Come l'arancina

Dall'"arancinu" dei Benedettini di Catania alla frutta delle monache "Martorana" di Palermo. E' il filo conduttore de "I quaderni di Archestrato Calcentero" Divagazioni archeogastronomiche siciliane del ricercatore modicano Marco Blanco con una mémoire di Simonetta Agnello Hornby e Carlo Ottaviano.

Marco Blanco, noto libraio modicano laureato in Lettere Classiche, ha unito la sua passione per l'ars culinaria e il buon cibo con l'interesse per la storia, "affinandole" con il metodo della sua formazione archeologica. Cibo e cultura si fondono in letture succulente di testi storico - gastronomici, accompagnati dalla prefazione di Giancarlo Poidomani, docente di Storia Moderna presso la facoltà di Scienze Politiche di Catania.

È presso il Monastero dei Benedettini, gioiello barocco della città etnea, infatti, che iniziano le ricerche di Blanco, il quale scorge, ad esempio, nei libri dei padri cassinesi una della più importanti testimonianze enogastronomiche: un "pizzino" - racconta l'autore - antedata almeno all'inizio dell'Ottocento l'uso del termine "arancinu-arancina" per l'amata polpettina salata di riso (servita in questo caso con una farcitura di lardo e uova ) e impone nuove considerazioni in merito. "Appena reduci dall'Expo di Milano che ha esaltato senza mezze misure il Made in Italy in cucina - afferma l'editore Salvo Bonfirraro - il libro di Marco Blanco, che abbiamo accolto con estremo interesse, rientra a pieno titolo nella nostra linea editoriale e si inserisce nel solco del nostro comune sentimento di sicilianità, con l'intento di valorizzare quanto di buono, mi sembra proprio il caso di dirlo, abbia partorito la nostra terra, che si ritrova alla spalle un ricchissimo patrimonio enogastronomico da cui attingere a piene mani".

Scorrono in questa "antropologia del gusto", i prodotti di punta siciliani di un tempo, come il pomodoro, presente in buona parte delle ricette odierne, che regnava sulla tavola dei nobili siciliani già intorno alla metà del Settecento - come emerge nel capitolo il "Pomodoro della discordia" - e che adesso vede nel pomodorino di Pachino un grande prodotto Igp. E ancora l'approfondimento sulla nascita di buona parte dei dolci tipici siciliani, per lo più creati entro i muri claustrali, con tutti i segreti che ognuno di loro porta dietro da secoli. Il caso del cioccolato di Modica è forse quello più eclatante: la sua particolare consistenza granulosa determinata dalla lavorazione a freddo - per cui oggi è noto come prodotto "tipico" della città - era infatti una caratteristica comune a ogni cioccolato esistente al mondo almeno fino alla metà dell'Ottocento e oggi ritrova la sua massima espressione nell'Antica Dolceria Bonajuto, grazie alla grande intuizione di Franco e Pierpaolo Ruta.

E alla fine, insomma, rimane da chiedersi chi sia il personaggio che abbia ispirato Blanco sin dal titolo Archestrato Calcentero è un gioco di parole - confessa lo studioso - un vezzo da classicista che non ama prendersi sul serio. "Archestrato, siciliano, scrisse nel IV a. C. quella che può essere considerata, con un po' di fantasia, come la prima guida gastronomica che la storia ci abbia tramandato. È un personaggio che mi ha sempre affascinato, un uomo che utilizzava il verso del poema epico per raccontare il cibo - afferma l'autore -  Calcentero invece è uno scherzo. Poiché in greco calcentero, significa più o meno stomaco di bronzo, ho pensato che potesse essere il soprannome più adatto per me che non mi fermo dinanzi ad alcuna pietanza".

Maria Giulia Franco

I quaderni di Archestrato Calcentero
Marco Blanco
Bonfirraro Editore
276 pagine
23 euro

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search