Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

    DOVE DORMO

Chianti, un castello nel regno del vino

Chi ama le fiabe e il vino troverà in questo castello, situato in una delle zone classiche del Chianti, belle emozioni. Castello di Meleto è hotel e azienda vitivinicola, che ritrova le sue origini nel 1200. Del Castello, appartenuto in origine ai Monaci Benedettini della Badia a Coltibuono, si hanno le prime notizie quando i Guelfi fiorentini portarono a compimento l'inventario dei beni danneggiati ad opera dei Ghibellini vittoriosi, dopo la battaglia di Montaperti. In tal periodo apparteneva già alla famiglia Ricasoli, beneficiaria di investiture feudali ricevute da Federico Barbarossa, da Enrico VI e da Ottone IV e fungeva da fortificazione dei Fiorentini contro i Senesi. I Ricasoli rimarranno proprietari del Castello di Meleto fino al 1969, quando venne acquisito dalla Società Viticola Toscana e che tuttora lo detiene. La famiglia Ricasoli, nel corso dei secoli, migliorò e ampliò la struttura che oggi conserva le massicce fortificazioni del quattrocento, con l’imponente torre cilindrica (costruita per sfuggire alle artiglierie), e la grazia signorile della villa nobile, con la sequenza delle stanze arredate e decorate. L’arrivo al castello, preceduto da boschi, vigneti e filari di cipressi e ginepri, è assai suggestivo.
Per gli ospiti sono disponibili camere situate al primo piano del Castello, tutte con antichi pavimenti in cotto toscano, alti soffitti e travi a vista; camere in una suggestiva canonica; ovvero degli appartamenti in case di campagna a poca distanza dal castello, denominate “Loggia”, “Limonaia”, “Casanuova” e “Vignanova”. I prezzi vanno da 83 euro a camera per notte, a 1.600 euro la settimana per gli appartamenti per sei persone.
Per quanto riguarda la produzione di vini, le cantine del Castello di Meleto producono 250 mila bottiglie del Chianti Classico docg, 50 mila bottiglie del Chianti Classico docg Riserva e 50 mila bottiglie del Castello di Meleto Fiore.

Francesco Pensovecchio

Castello di Meleto
53013 Gaiole in Chianti (Siena)
Tel. +39 0577 749217
Fax +39 0577 749762
info@castellomeleto.it, booking@castellomeleto.it
www.castellomeleto.it/

    DOVE DORMO

Chianti, un castello nel regno del vino

Chi ama le fiabe e il vino troverà in questo castello, situato in una delle zone classiche del Chianti, belle emozioni. Castello di Meleto è hotel e azienda vitivinicola, che ritrova le sue origini nel 1200. Del Castello, appartenuto in origine ai Monaci Benedettini della Badia a Coltibuono, si hanno le prime notizie quando i Guelfi fiorentini portarono a compimento l'inventario dei beni danneggiati ad opera dei Ghibellini vittoriosi, dopo la battaglia di Montaperti. In tal periodo apparteneva già alla famiglia Ricasoli, beneficiaria di investiture feudali ricevute da Federico Barbarossa, da Enrico VI e da Ottone IV e fungeva da fortificazione dei Fiorentini contro i Senesi. I Ricasoli rimarranno proprietari del Castello di Meleto fino al 1969, quando venne acquisito dalla Società Viticola Toscana e che tuttora lo detiene. La famiglia Ricasoli, nel corso dei secoli, migliorò e ampliò la struttura che oggi conserva le massicce fortificazioni del quattrocento, con l’imponente torre cilindrica (costruita per sfuggire alle artiglierie), e la grazia signorile della villa nobile, con la sequenza delle stanze arredate e decorate. L’arrivo al castello, preceduto da boschi, vigneti e filari di cipressi e ginepri, è assai suggestivo.
Per gli ospiti sono disponibili camere situate al primo piano del Castello, tutte con antichi pavimenti in cotto toscano, alti soffitti e travi a vista; camere in una suggestiva canonica; ovvero degli appartamenti in case di campagna a poca distanza dal castello, denominate “Loggia”, “Limonaia”, “Casanuova” e “Vignanova”. I prezzi vanno da 83 euro a camera per notte, a 1.600 euro la settimana per gli appartamenti per sei persone.
Per quanto riguarda la produzione di vini, le cantine del Castello di Meleto producono 250 mila bottiglie del Chianti Classico docg, 50 mila bottiglie del Chianti Classico docg Riserva e 50 mila bottiglie del Castello di Meleto Fiore.

Francesco Pensovecchio

Castello di Meleto
53013 Gaiole in Chianti (Siena)
Tel. +39 0577 749217
Fax +39 0577 749762
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.castellomeleto.it/

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search