Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Dove dormo il 07 Ottobre2020
La Famiglia Wachtler

di Marco Sciarrini

Riuscire a trovare la sintesi del segreto di come attrarre turisti, in particolare nella situazione che il Paese sta vivendo, non è facile. Serve un luogo in cui ospitalità, ottima cucina, servizi adeguati, e perché no, un bartender a disposizione, faccia la differenza.

Come quello che abbiamo trovato al Post Hotel. Tradition & Lifestyle di San Candido (BZ), dove la Famiglia Wachtler, già dal 1926 gestisce la struttura. L’hotel è stato ristrutturato completamente nel 2014 (si tratta di un edificio storico che ha oltre cent’anni), con 9 suite e 32 camere. La struttura ha anche un’area Wellness Vita Alpina dove gli ospiti possono accedere ad un mondo saune con sauna finlandese e bagno turco, doccia vitale, piscina coperta e riscaldata, 2 aree relax, spa, ed anche una terrazza panoramica. Fiore all’occhiello della struttura è il ristorante gourmet che dispone 90 posti e propone ed una cucina innovativa di ispirazione territoriale, che lo chef Cesare Airaldi e la sua brigata di cucina propone piatti di ispirazione territoriale. Originario della provincia di Como, lo Chef si diploma come Commis di Cucina nel 2004 e dal 2014 lavora in Alto Adige. A trasmettergli l’amore per la cucina è la nonna. “Con lei fin da piccolissimo trascorrevo le mie giornate e spesso mi divertivo ad affiancarla in cucina nella preparazione delle pietanze tradizionali lombarde come cazeula, bollito, busecca, polenta e gallina fredda, dolci e pasta fresca. Il primo piatto che ho preparato da solo è stato il coniglio ripieno: lo ricordo ancora come fosse ieri”.

(Cesare Airaldi)

Un’idea di cucina la sua che mette in tavola piatti caratterizzati da una ricercata semplicità. “Cucino con amore e lo faccio sempre come se le pietanze che preparo per gli ospiti dell’hotel in realtà fossero per me o per qualcuno dei miei cari. Mi piace preparare piatti costituiti da pochi elementi che cerco di esaltare al massimo. Seleziono prodotti di qualità elevata e prediligo il rapporto con i piccoli produttori locali. Mi piace elaborare gli ingredienti senza snaturarne l’origine e la provenienza territoriale, per me rispettare le materie prime significa avere rispetto del lavoro e della fatica di chi le fornisce. Concentro la mia creatività nell’ideare sempre nuovi abbinamenti e texture, per regalare al cliente un’esperienza innovativa.” L’Alto Adige è una continua fonte d’ispirazione per la cucina di Cesare Airaldi. “Mi piace la vita in montagna e nel tempo libero adoro passeggiare immerso nella natura che mi circonda. Lo trovo molto rilassante ed è inoltre un modo per trovare l’ispirazione e le idee per i miei nuovi piatti. I boschi e i prati infatti sono ricchissimi di ingredienti da utilizzare in cucina. A me in particolare piace utilizzare le erbe spontanee che la natura offre nei diversi periodi dell’anno.”
Ѐ sempre il momento giusto per ritagliare una pausa dalla routine quotidiana e abbandonarsi al piacere di un massaggio, il calore e l’atmosfera di un spa accogliente e ricercata sono un vero e proprio balsamo per il corpo e per lo spirito. Lo racconta Barbara Wachtler, spa manager del Wellness Vita Alpina dell’Hotel, ed anche di un’altra struttura della famiglia sempre a S. Candido Post Dolomiti Resorts. Due centri benessere pensati per le esigenze di un pubblico diverso, ma accomunati dalla medesima filosofia.

(Post Hotel)

"Nelle Spa Vita Alpina l’ospite, la sua tranquillità e la sua felicità sono al centro della nostra attenzione - dice Barbara Wachtler - Dall’accoglienza al primo contatto, fino alla fine del trattamento, il nostro obiettivo è quello di coccolarlo e garantire un momento di assoluto relax che possa riportare l’equilibrio fra corpo e spirito, oltre a ricaricare le energie. Tutto è curato nel dettaglio e non manca il contatto con la natura: per alcuni trattamenti proposti, infatti, utilizziamo prodotti dell’Alto Adige, come il fieno, il miele, o il pino mugo. La routine quotidiana ci costringe ad essere sempre di corsa e non trovare mai un momento per noi stessi, inoltre stress, inquinamento e sbalzi di temperatura non sono alleati della pelle. Ecco che sdraiarsi in un lettino mentre si è coccolati da mani esperte diventa un vero toccasana. La nostra offerta di trattamenti wellness e beauty è davvero ampia, dai più classici ai massaggi speciali. Tra i tanti consiglierei Kobido, un trattamento giapponese del viso noto come il massaggio dell’eterna giovinezza che lavora nella profondità e rilassa l’ospite. Ricco di benefici, migliora l’elasticità e la tonicità della pelle, come un lifting, ma senza un intervento estetico".

(Suite La Nuvola)

Ma quali sono i consigli per un gesto di benessere anche a casa, una volta finita la vacanza? "Concedersi un momento solo per se stessi, prendersi cura del proprio benessere psicofisico con attività che favoriscono il nostro relax - prosegue Barbara Wachtler - Bere tanta acqua e praticare un po’ sport, ma anche utilizzare prodotti per il corpo che rispettino la pelle, nutrienti e di qualità". Una curiosità della struttura è la “Nuvola”, una suite 70 metri quadri di puro relax, ispirata alle nuvole e alla loro impalpabile bellezza, evoca la sensazione di sentirsi sospesi fluttuando tra le montagne, e concede la libertà di muoversi in spazi ampi, per ritrovare la propria dimensione di quiete e armonia. si sviluppa su due livelli ed è indicata per le coppie che amano permettersi il lusso di un soggiorno senza pensieri e con ogni comodità. Realizzata da Bonfante Interior Contractor, la Suite interpreta l’idea della famiglia Wachtler di progettare un’oasi di pace che ricordi l’idea astratta delle nuvole e della loro delicatezza. Al piano terra si compone di soggiorno e bagno con doccia e wc separati, al livello superiore ospita la camera da letto dotata di vasca per un momento romantico di completo relax. Segni particolari: un letto sospeso da terra e ancorato al soffitto con morbide imbottiture in ecopelle, una carta da parati che riproduce le immagini delle nuvole dando l’impressione di trovarsi in mezzo al cielo, nonché arredi rigorosamente personalizzati con un giusto equilibrio di eleganza e modernità.

(Andrea Ciavarro)

Altro punto di forza dell’Hotel è la Lounge con Spiriti internazionali e ingredienti locali e stagionali: fanno vivere l’esperienza di uno speciale cocktail, un aperitivo con lo chef de bar Andrea Ciavarro, ripropone nei bicchieri la tradizione e la modernità dell’hotel, unendo sapientemente spiriti e ingredienti biologici e di stagione per far scoprire ai palati gusto locale e internazionale, tra un cocktail e del finger food di alta qualità. "La mia passione per la degustazione di cibi e bevande mi ha portato negli anni ad attraversare tutta l’Italia - dice Ciavarro - Le mie radici sono in provincia di Campobasso, ma presto mi sono trovato proiettato oltre il Molise. Toscana e Trentino Alto-Adige sono state le mie mete nazionali, per poi finire a Londra, prima di tornare qui in Alto-Adige al Post Hotel. Vivere e lavorare in posti così diversi tra loro per abitudini e tradizione enogastronomica mi permette oggi di proporre ai nostri ospiti cocktail unici che rispecchiano la mia esperienza e la mia storia". E poi suggerisce alcuni cocktail da provare al Post hotel: "Abbiamo The Post Cocktail, fatto di Bitter Campari, Vermouth Carpano Antica Formula, Acquavite bio di erbe alpine e miele, Angostura Bitters. Le decorazioni includono la fetta di arancia bio, la scorza di limone bio, un fiore edule di asperula o timo selvatico o Achillea a seconda della stagione. Particolarmente fresco nell’aspetto è il P-Lounge Cocktail, fatto di London dry Gin a scelta, Earl Grey Dammann, spremuta di bergamotto bio, zucchero di canna bio, il tutto decorato con fetta di bergamotto bio, bustina dell’infuso, scorza di limone bio, frutti di bosco, lavanda o menta secondo la stagione".

Post Hotel
Via dei Benedettini 10/C - San Candido (BZ), Italia
T. 0471 913133
www.posthotel.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Chiuso: da inizio aprile a fine maggio e da metà ottobre a inizio dicembre
Posto auto: disponibile in zona su prenotazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search