Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

    DOVE DORMO
La Locanda di Don Serafino a Ragusa Ibla: un piccolo hotel esempio di restauro riuscito

Relax tra archi gotici
e pareti di pietra


La Locanda Don Serafino a Ragusa Ibla, nel cuore della città barocca, è sì un hotel, ma anche un piccolo pezzo del patrimonio monumentale della città strappato all’oblio e diventato fruibile grazie ad un attento recupero architettonico che ha consentito di salvaguardare reperti preziosi della vecchia città medievale, rimasti là anche a dispetto del devastante terremoto del 1693 che distrusse tutta la Val di Noto.
Al suo interno le pareti di pietra a vista mettono in risalto i resti delle mura bizantine del ghetto ebraico, e ancora, un arco gotico del ‘300 che in una delle suite, recuperato, ne diventa elemento architettonico, al pari del portale del ‘400 che si trova in un’altra camera o la suggestiva vasca da bagno scavata sempre nella roccia.
«Avevamo chiamato il ristorante Locanda Don Serafino – ci dice Pinuccio La Rosa, uno dei proprietari – proprio perché assieme a mio fratello avevamo l’intenzione di realizzare un progetto completo di accoglienza che coniugando architettura - agricoltura – ristorazione – ospitalità, ci permettesse di valorizzare le eccellenze del nostro territorio: cucina a base di prodotti e ricette locali e nell’hotel l’impiego di materiali delle nostre zone, come la caratteristica “pietra pece”, gli infissi e i mobili dell’artigianato locale e le tende arricchite  dai bellissimi ricami di “sfilato siciliano” detto anche “cinquecento” realizzati a mano, come si faceva una volta, dalle nostre ricamatrici».
L’hotel ha dieci stanze per un totale di ventidue posti letto. Due camere si trovano a piano terra, con ingresso indipendente per disabili. Il confort delle camere è assicurato da una serie di servizi tra i quali il collegamento ad internet dalla propria camera, un raffinato e completo set cortesia.
Per la prima colazione torte fatte in casa, biscotti della tradizione locale, cotti nel forno a legna di un noto panificio di Ibla, miele di timo  della campagna iblea e dell’ottima ricotta di pecora, per un soggiorno ancora più gradevole.

A.S.

Locanda Don Serafino


Via 11 Febbraio, 15 – Ragusa Ibla
Tel. 0932/220065
www.locandadonserafino.it

Carte di credito: tutte esclusa AE
Prezzo: matrimoniale uso singolo 118 euro

matrimoniale standard     148 euro

 

    DOVE DORMO
La Locanda di Don Serafino a Ragusa Ibla: un piccolo hotel esempio di restauro riuscito

Relax tra archi gotici
e pareti di pietra


La Locanda Don Serafino a Ragusa Ibla, nel cuore della città barocca, è sì un hotel, ma anche un piccolo pezzo del patrimonio monumentale della città strappato all’oblio e diventato fruibile grazie ad un attento recupero architettonico che ha consentito di salvaguardare reperti preziosi della vecchia città medievale, rimasti là anche a dispetto del devastante terremoto del 1693 che distrusse tutta la Val di Noto.
Al suo interno le pareti di pietra a vista mettono in risalto i resti delle mura bizantine del ghetto ebraico, e ancora, un arco gotico del ‘300 che in una delle suite, recuperato, ne diventa elemento architettonico, al pari del portale del ‘400 che si trova in un’altra camera o la suggestiva vasca da bagno scavata sempre nella roccia.
«Avevamo chiamato il ristorante Locanda Don Serafino – ci dice Pinuccio La Rosa, uno dei proprietari – proprio perché assieme a mio fratello avevamo l’intenzione di realizzare un progetto completo di accoglienza che coniugando architettura - agricoltura – ristorazione – ospitalità, ci permettesse di valorizzare le eccellenze del nostro territorio: cucina a base di prodotti e ricette locali e nell’hotel l’impiego di materiali delle nostre zone, come la caratteristica “pietra pece”, gli infissi e i mobili dell’artigianato locale e le tende arricchite  dai bellissimi ricami di “sfilato siciliano” detto anche “cinquecento” realizzati a mano, come si faceva una volta, dalle nostre ricamatrici».
L’hotel ha dieci stanze per un totale di ventidue posti letto. Due camere si trovano a piano terra, con ingresso indipendente per disabili. Il confort delle camere è assicurato da una serie di servizi tra i quali il collegamento ad internet dalla propria camera, un raffinato e completo set cortesia.
Per la prima colazione torte fatte in casa, biscotti della tradizione locale, cotti nel forno a legna di un noto panificio di Ibla, miele di timo  della campagna iblea e dell’ottima ricotta di pecora, per un soggiorno ancora più gradevole.

A.S.

Locanda Don Serafino


Via 11 Febbraio, 15 – Ragusa Ibla
Tel. 0932/220065
www.locandadonserafino.it

Carte di credito: tutte esclusa AE
Prezzo: matrimoniale uso singolo 118 euro

matrimoniale standard     148 euro

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search